VIDEO CHOC:Stesa in piazza Trieste e Trento: moto,spari e fuga

Un corteo di moto e spari in aria. Passanti minacciati con pistole puntate al volto

video choc stesa in piazza trieste e trento moto spari e fuga
Napoli.  

 

di Simonetta Ieppariello

Video choc di una stesa in piazza Trieste e Trento, dove un branco di giovanissimi a bordo di scooter e moto sono arrivati armati per seminare il terrore, minacciando i passanti per poi sparare colpi in aria. Un corteo di moto e ragazzi sfrenati, che non si sono fermati davanti a nessuno seminando il panico.

Una situazione, quella delle stese ormai fuori controllo, come spiega Francesco Emilio Borrelli, consigliere dei Verdi, che chiede immediato l’intervento straordinaria di forze dell’ordine e istituzioni per salvare Napoli dalla spirale di reati e violenza che sta travolgendo tutti i punti della città.

Nel video recuperato da Borrelli si vede quanto accaduto tra giovedì e venerdì: una stesa violentissima nella centralissima piazza, a ridosso di piazza del Plebiscito, con gente che corre tra tavolini che saltano, che cercano riparo, fuga dal branco malviventi impazzito che spara per dimostrare potenza o affermare predominio, o forse per per ‘risolvere’ una lite scoppiata prima” ha spiegato Borrelli sottolineando che “molte di quelle persone si sono ritrovate una pistola puntata in faccia e hanno alzato le mani per non essere sparati”.

“La ‘dimostrazione’ di forza, poi, s’è conclusa con lo sparo in area di alcuni colpi di pistola e spiega Borrelli: in tutto il tempo in cui questi ragazzi si sono impossessati di piazza Trieste e Trento, nel pieno centro della città, non c’è stato nessun intervento delle forze dell’ordine”.

Tutto accade a pochi giorni dal caso lungomare dove un commando armato sarebbe arrivato armato in auto per punire un tentato di uno scooter. Mentr ei dati del turismo crescono abusivismo incontrollato e stese minano la sicurezza della città. Solo ieri sera un ragazzino di 17 anni dopo un lite è stato ferito tra collo e orecchio a colpi di coltello.