Torre Annunziata: riciclavano auto rubate, 4 arresti

I veicoli una volta “ripuliti” venivano rivenduti ad ignari acquirenti attraverso annunci on line

torre annunziata riciclavano auto rubate 4 arresti
Torre Annunziata.  

Una vera e propria organizzazione specializzata nel ''riciclo'' di auto rubate. Le auto una volta “ripulite” erano pronte per essere rivendute ad ignari acquirenti attraverso annunci on line con l'intermediazione di un finto rivenditore titolare di una ditta individuale. 

A scoprire il giro di auto rubate e rivendute è stata un'indagine coordinata dalla Procura di Torre Annunziata e condotta dai carabinieri della stazione di Pompei che ha portato all'esecuzione da parte dei militari della compagnia di Torre Annunziata di quattro misure cautelari ai danni di altrettanti indagati residenti tra Castellammare di Stabia e Gragnano. Le quattro persone, tutte già note alle forze dell’ordine, sono accusate a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione e al riciclaggio di auto rubate e truffa. L'indagine ha permesso di fare luce sul ''riciclaggio'' di alcune vetture e parte di altre rinvenute e sequestrate a Pompei nel febbraio 2018, quando fu fermato uno dei quattro arrestati, sorpreso alla guida di un furgone con all'interno le parti già sezionate di una auto rubata a Somma Vesuviana. 

Due dei quattro indagati sono finiti in carcere, gli altri due sono stati raggiunti da provvedimenti di divieto di dimora in Campania. 

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, ognuno dei quattro indagati aveva un ruolo preciso all'interno dell'organizzazione. Due, gli organizzatori, avevano il compito di reperire le auto di illecita provenienza, acquistare modelli corrispondenti incidentati ed eseguire le operazioni tecniche di ricondizionamento e alterazione dei segni distintivi provvedendo alla ripunzonatura dei telai, all'assemblaggio di più parti di diverse vetture, alla riprogrammazione delle centrali elettroniche. I veicoli venivano poi rivenduti a ignari acquirenti attraverso annunci su siti specializzati. Uno degli arrestati, fingendosi titolare di una ditta individuale per la rivendita di auto, provvedeva alle operazioni finanziarie conseguenti alle vendite e alla distribuzione dei profitti ai sodali. Le indagini si sono avvalse dell'analisi dei traffici telefonici e di intercettazioni di conversazioni ed accertamenti tecnico-scientifici sui veicoli oggetto di sequestro, poi restituiti ai legittimi proprietari.