Uccisa dal fratello perché gay

“Volevo darle una lezione, era infettata”

uccisa dal fratello perche gay
Napoli.  

Maria Paola Gaglione aveva 22 anni e ha pagato con la vita la sua relazione con una coetanea. Era in scooter con la sua fidanzata quando il fratello di 25 anni ha deciso di inseguirla e speronarla. 

Maria Paola è morta mentre la compagna è rimasta ferita ed è stata picchiata, ancora sanguinante a terra. 

Antonio Gaglione, 25 anni, è stato fermato dai carabinieri. Le ragazze l'altro ieri sera erano in viaggio da Caivano ad Acerra quando sono state raggiunte dal giovane, anch'egli in sella ad uno scooter, che ha tamponato con violenza il mezzo provocando la caduta delle due giovani.

La ragazza ferita è stata portata in una clinica della zona, le sue condizioni non sono gravi.

"Volevo darle una lezione, non ucciderla. Ma era stata infettata". Lo ha detto ai carabinieri, secondo quanto riferito, Michele Antonio Gaglione. Inizialmente rispondeva di lesioni personali, morte come conseguenza di un altro delitto e violenza privata, ma la sua posizione si è aggravata e il 30enne è finito in cella per omicidio preterintenzionale e violenza privata aggravata dall'omofobia.