Salerno, la protesta: "Dopo 14 anni trattati come oggetti"

In presidio alla stazione di Salerno, i lavoratori della società che vendeva i biglietti a Cstp

salerno la protesta dopo 14 anni trattati come oggetti
Salerno.  

In presidio alla Stazione di Salerno i lavoratori della società che gestiva la vendita dei biglietti della Cstp. "Dopo 14 anni, 5 persone senza lavoro, vergogna". Si legge sui manifesti dei lavoratori che questa mattina hanno voluto esprimere il loro disappunto su quanto accaduto.

In merito si è esperro anche il consigliere comunale Roberto Celano: "Esprimo solidarietà nei confronti dei titolari e dei lavoratori della Efila sas, società che per 14 anni ha gestito la distribuzione dei titoli di viaggio per Bus Italia".

Il contratto in scadenza il 30 giugno non è stato prorogato,"La società di trasporti in questione ha ritenuto, invero, di affidare la gestione della biglietteria al Consorzio Unico Campano che a sua volta ha concesso di distribuire i ticket alla società Giraservice, vincitrice della gara del Consorzio per la distribuzione dei titoli di viaggio in regione", continua Celano, "Giraservice sarebbe, tra l'altro società fortemente indebitata nei confronti del Consorzio tant'è che di recente avrebbe causato forti disservizi e si sono riscontrati seri problemi nel reperimento dei biglietti nei vari punti vendita. Ancora una giovani Salernitani perdono il lavoro per scelte scellerate ed inopportune".