Al via la XVII edizione del premio Gino Avella

Protagonisti i giovani studenti di Cava de' Tirreni

al via la xvii edizione del premio gino avella
Cava de' Tirreni.  

Prende il via oggi la diciassettesima edizione del premio Gino Avella, promossa dall'Ente Sbandieratori e Musici "Città Regia", in collaborazione con la biblioteca comunale e patrocinata dal Comune di Cava de' Tirreni.

Ad annunciare la XVII edizione, prevista per lunedì 10 giugno, alle ore 18.00, in via Caliri, è il coordinatore del gruppo “Città Regia”, Antonella Palumbo: “E’ la fine di un lungo percorso scolastico incentrato sul recupero delle tradizioni legate al territorio e, in particolare, sullo studio della propria città”.

Protagonisti assoluti della serata saranno, quindi, gli alunni del III Circolo Didattico (Sant’Anna e Santa Lucia) e del IV Circolo Didattico (San Nicola - Pregiato, Annunziata, Dupino, San Pietro). I giovani studenti nel corso dell’anno scolastico hanno realizzato elaborati sia pittorici sia descrittivi sulla storia della cavese, cimentandosi sulla ricerca storica per produrre, in seguito, ricerche ed elaborati pittorici. Gli alunni hanno imparato a rullare un tamburo e a far volteggiare una bandiera.

La manifestazione la cui presentazione sarà affidata a Carmela Novaldi, avrà come madrina, la professoressa Angela Procaccini, madre di Simonetta Lamberti.

Ospite d’onore dell’evento sarà il capitano della Cavese Claudio De Rosa, simbolo della rinascita sportiva cavese.

La XXVII edizione del premio “Gino Avella”, una statuetta d’argento raffigurante uno sbandieratore, sarà assegnata al dott. Ermanno D’Arco, visto il grande impegno umano e sociale che ha sempre dimostrato nella cura dei suoi pazienti.

Momenti di intrattenimento saranno affidati al “Clown Puzzetta” che intratterrà con il suo spettacolo di magia.

Nell’ambito della manifestazione saranno vendute piantine aromatizzate, il cui ricavato sarà devoluto in beneficenza alla Lega Italiana Fibrosi Cistica Onlus. La donazione è in memoria di Mauro Avella, figlio di Gino.