Limoni igp Costa D'Amalfi: positivo l'inizio della raccolta

Saranno tre milioni i chili certificati. Timori per il clima

limoni igp costa d amalfi positivo l inizio della raccolta
Amalfi.  

Procede positivamente la raccolta del limone Igp Costa d’Amalfi iniziata il primo marzo, con un mese di ritardo rispetto agli anni passati per motivi climatici poiché il frutto ancora non aveva raggiunto il punto di maturazione, ovvero peso, dimensioni e forma idonee alla commercializzazione Igp.

La raccolta è finora positiva – fanno sapere da Coldiretti in una nota - per resa e qualità. A confermarlo Angelo Amato, presidente del Consorzio di tutela Igp e referente per la Costa d'Amalfi di Coldiretti Salerno. “Vi e' abbondanza di frutti sulle piante - conferma Amato - la raccolta è in pieno svolgimento: i produttori negli ultimi mesi hanno avuto un po' di problemi con il freddo e gli sbalzi climatici ma, per fortuna, la qualità si sta confermando ottima. Il clima altalenante, caratterizzato per lunghi periodi da vento e freddo, rischia però di penalizzare la stagione 2020 a causa della forte defogliazione delle piante. Vedremo nei prossimi mesi. È prematuro effettuare stime”. Positive sono anche le contrattazioni: “Il marchio Igp e la grande qualità delle produzioni - sottolinea Amato - fanno sì che i nostri limoni siano molto richiesti sul mercato. Attualmente il prezzo al contadino si aggira intorno all'euro e venti centesimi al kg e sui 2 euro ai mercati.

È una buona partenza”. Anche quest'anno saranno quasi tre i milioni di chili di limone certificati igp: “Il prodotto fresco è destinato prevalentemente al mercato nazionale della grande distribuzione - spiega Amato - mentre il mercato estero composto soprattutto da Francia, Germania e Stati Uniti è interessato al prodotto trasformato. Numeri a parte, riteniamo molto positivo il recupero, la valorizzazione e la riqualificazione di tanti limoneti abbandonati e soprattutto il crescente interesse al biologico: sono decine le aziende, guidate soprattutto da giovani, in fase di conversione, che nei prossimi tre anni garantiranno un ulteriore balzo in avanti nella qualità e nella competitività del prodotto a livello nazionale e internazionale”.