Corteo di ambulanze per Alfieri, il caso arriva in Parlamento

Interrogazione dei 5 Stelle dopo che l'Asl ha sospeso la convenzione con la società

corteo di ambulanze per alfieri il caso arriva in parlamento
Capaccio.  

Dopo i due provvedimenti di sospensione della convenzione in vigore per il servizio trasporto infermi con la "Croce Azzurra" di Capaccio Paestum e quella di Agropoli da parte dell'Asl, continua a tenere banco la vicenda dell'ormai noto corteo di ambulanze per festeggiare la vittoria elettorale di Franco Alfieri nella città dei templi. L'azienda sanitaria salernitana ha avviato un'istruttoria per prendere eventuali provvedimenti, ed intanto ha sospeso il rapporto. Ma il caso finisce anche in parlamento, e a portarlo sono i 5 Stelle.

 

"Apprendiamo con soddisfazione la sospensione da parte dell'Asl di Salerno della convenzione con la Croce Azzurra. In merito a questo argomento, io stessa ho presentato un'interrogazione urgente al ministro della Sanità, Giulia Grillo e al ministro dell'Interno, Matteo Salvini, per chiedere di verificare i termini di questa convenzione e le violazioni fatte in occasione del corteo di ambulanza". così il deputato pentastellato Virginia Villani.

 "Questo atteggiamento sprezzante nei confronti della legge - ha proseguito Villani -, delle istituzioni e della civiltà, caratterizza non solo Alfieri ma tutti i deluchiani che sposano i suoi modi di fare completamente scorretti e scandalosi. Questa è l'ennesima dimostrazione di potere assoluto che politici quali Alfieri e De Luca hanno sulla sanità campana. Infatti, i mezzi di soccorso quali le ambulanze dovrebbero essere sempre pronte all'uso per intervenire al fine di salvare vite umane e non essere impiegate per festeggiare un politico amico del presidente nonché commissario della sanità De Luca. Ho chiesto con urgenza al ministro Grillo e al ministro Salvini - ha aggiunto in conclusione l'esponente 5 Stelle - di verificare la situazione e di chiedere quali sono i responsabili di quanto accaduto la notte del 9 giugno a Capaccio".