Spartan Race Italy, in gara una squadra tutta salernitana

5 km di corsa e 20 ostacoli da superare, "Tanta voglia di dare il massimo" affermano gli atleti

spartan race italy in gara una squadra tutta salernitana
Salerno.  

5 km di corsa per 20 ostacoli. Una gara, un viaggio, un format ormai consolidato che ad ogni tappa raduna migliaia di atleti di ogni livello. Un evento sportivo di grande spessore che testa la bravura e la preparazione dei tanti amanti del settore. Tutto pronto per la prossima tappa della Spartan Race Italy, (che sarà anche l’ultima data della competizione per il 2019). Domani, sabato 19 ottobre, a Taranto, in gara per la categoria “sprint” anche una squadra tutta salernitana.

Manuela Natella, Alicia Simeoli, Emanuela Russo, Francesco Cannavacciuolo e Andrea Iannone, questi i nomi dei 5 ragazzi che faranno parte del team proveniente dalla palestra “Novella Fitness”, allenati dal coach Diego Simeoli, che si cimenteranno nel percorso ad ostacoli. A sostenere la squadra anche la sponsorizzazione da parte di un’azienda di spedizioni internazionali e logistica, la Contra s.p.a, presente sul mercato da più di 30 anni e già vicina al mondo dello sport di Salerno e provincia.

“Non ci sono tante preoccupazioni per la gara, solo tanta voglia di migliorarsi e riuscire a completare il percorso in un buon tempo” affermano gli atleti in vista della competizione di domani. Reduci da una prima esperienza ad Orte, tenutasi lo scorso aprile, i giovani si sono sottoposti ad un allenamento mirato per preparazione alla gara.

“Agli esercizi di allenamento funzionale abbiamo aggiunto la corsa, alla base di ogni Spartan race. Tra gli ostacoli che incontreremo, quelli che mietono più vittime sono la “monkey bar”, una struttura di tubolari in cui bisogna avanzare aggrappandosi da un tubo all’altro, il temuto lancio del giavellotto, tutt’altro che scontato e l’arrampicata con la corda. Grande sorpresa per il nuovo ostacolo che sarà presente a Taranto e mai affrontato in una gara ufficiale italiana spartan race, ma noi siamo pronti!” concludono con entusiasmo i ragazzi, determinati a dare il massimo.