Pallanuoto, A1: al Posillipo il derby con la Rari Nantes

Match giocato a porte chiuse e vinto dai partenopei per 9 a 7

pallanuoto a1 al posillipo il derby con la rari nantes
Salerno.  

Nel silenzio della Vitale, la Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno, sabato pomeriggio, cede contro il Posillipo, ma per dovere di cronaca raccontiamo ciò che è accaduto prima dell’incontro, quando si è scoperto che ad un giocatore del Posillipo è stata riscontrata una alterazione della temperatura. La circostanza ha portato allo slittamento della gara di quasi un’ora, ma poi il giudice di campo, d’accordo con la Federazione e sentito il medico sociale della squadra ospite ha deciso di far disputare ugualmente l’incontro. Inutile dire che già giocare a porte chiuse avrebbe portato un notevole svantaggio alla Rari, ma con quanto accaduto, il clima è diventato davvero surreale. La gara si è conclusa sul 9 a 7 per i rossoverdi, con una Rari Nantes distratta e troppo poco in palla e lontana da quella vista fino a oggi che ha portato i tifosi a sognare qualcosa in più della salvezza. Poca grinta, poca lucidità nei momenti salienti dell’incontro, e un po’ di sfortuna hanno dato campo libero ai ragazzini del Posillipo.

La sensazione che si sia giocato in un clima poco sereno, si è nettamente avuta anche dal tipo di arbitraggio, in alcuni frangenti decisamente sotto la media. La gara è stata comunque in equilibrio fino all’ultimo quarto, 1-0, 1-1, 3-4, 2-4 i parziali, e c’è sicuramente tanto rammarico per un incontro che in altre circostanze sarebbe stato nettamente alla portata di Scotti Galletta e compagni. Invece bisogna fare i conti con una sconfitta che fa decisamente male per come è arrivata, ma che deve spronare i ragazzi a dare ancora di più, perché l’obiettivo salvezza non è ancora in cassaforte. Adesso ci sarà una lunga pausa fino a mercoledì primo aprile, quando la Rari andrà a far visita al Quinto Genova. Sarà un periodo durante il quale mister Citro dovrà lavorare sodo con i suoi ragazzi, per riprendere il cammino interrotto questa sera, seppur in circostanze particolari.

Partita surreale – commenta mister Matteo Citro – decisa da giocate individuali nel finale. Il Posillipo ha avuto più fame, noi non siamo stati bravi a gestire mentalmente tutte le problematiche del pre gara e non siamo entrati mai veramente in partita”.