Liberato Russolillo: ambasciatore della cultura montecalvese

Delibera di encomio da parte dell'amministrazione comunale di Montecalvo Irpino

liberato russolillo ambasciatore della cultura montecalvese

"Tutti mi chiamano e mi cercano da una parte all'altra, non si capisce più niente, la mia sarà davvero un'estate di fuoco."

Montecalvo Irpino.  

 

di Gianni Vigoroso

Verrà nominato "Ambasciatore della cultura montecalvese", in una cerimonia pubblica, con la consegna di una targa di riconoscimento a nome dell'amministrazione comunale e dell'intera comunità di Montecalvo Irpino. Ad annunciarlo è stato il sindaco Mirko Iorillo dopo la meritatissima e prestigiosa vittoria alla Corrida 2018 del suo concittadino Liberatore Russolillo.

"L'amministrazione comunale intende ringraziare pubblicamente Liberatore Russolillo per aver portato alla ribalta nazionale il nome  di Montecalvo Irpino ed aver dato lustro al nostro paese nella trasmissione "La corrida" in onda il 13 aprile su Rai 1."

Domani sarà pubblicata una delibera di encomio per ufficializzare la gratitudine della collettività montecalvese nei confronti di "zio Liberato". 

Così Nicola Serafino tra gli amici più stretti di Zi Liberato, che ha messo da parte in questi giorni ogni cosa per festeggiare insieme a lui, questo prestigioso traguardo.

"Bella soddisfazione per tutta la comunità e i montecalvesi nel mondo. Per avere successo basta poco, la semplicità, la spontaneità e l'amore per la vita. Con zio liberato siamo stati nel corso di Avellino e li abbiamo avuto il più grande apprezzamento e calore della gente,  in tanti si sono congratulati con zio Liberato e tutti hanno voluto una foto e un ricordo."

L'arzillo 92enne è stato letteralmente assalito dai suoi fan a tal punto da trovare un simpatico escamotage per una tregua: "Mi sono tolto il cappello così non mi conoscevano più". 

Una domenica itinerante alla guida del suo moto ape con il suo organetto gelosamente a bordo dalla valle del miscano a regio tratturo a brindare e a raccogliere saluti ed elogi dalla gente. 

"Tutti mi chiamano e mi cercano da una parte all'altra, non si capisce più niente, la mia sarà davvero un'estate di fuoco."