Smog, oggi stop alle auto inquinanti. Domenica di blocchi

Avellino, troppi sforamenti di Pm 10 in città, scatta l'ordinanza. Ecco le limitazioni

smog oggi stop alle auto inquinanti domenica di blocchi
Avellino.  

Smog, troppo smog. Avellino nella morsa delle polveri sottili deve correre ai ripari. E scatta la nuova ordinanza diramata per tutto il territorio comunale, riservando il disco rosso per le auto inquinanti per il centro del capoluogo. 

Si parte oggi domenica 10 febbraio: il nuovo dispositivo emanato qualche giorno fa dal commissario Priolo resterà in vigore fino al 17 marzo. Il divieto di circolazione ai veicoli considerati inquinanti riguarderà solo le domeniche: complessivamente sei, quelle contemplate nel provvedimento. E come già avvenuto per le altre ordinanze, il blocco riguarderà solo il centro di Avellino. Escluso tutte le strade di collegamento e le arterie.

Dunque stop dalle 8 alle 20 per le auto benzina euro 0, 1 e 2; diesel euro 0,1, 2 e 3.

Il disposto di blocco delle auto più inquinanti durerà, resterà i vigore per sei domeniche consecutive a partire da oggi, 10 febbraio. Fino al 17 marzo incluso, divieto di circolazione nelle domeniche dalle 8 alle 20 in tutto il centro urbano per ciclomotori e motocicli a due tempi euro 0 e euro1, auto a benzina euro 0-1-2, auto alimentate a diesel euro 0-1-2-3.

Restano escluse dal provvedimento l'Autostrada A16, l'ex Bonatti, via Pianodardine, via Tedesco fino all'incrocio con via Fratelli Troncone, viale Italia fino alla rotatoria, via Perrottelli, via Aversa, via Morelli e Silvati e via Annarumma. Per gli autobus è fatto divieto assoluto di restare nella fase di stazionamento con il motore acceso, assolutamente vietata la bruciatura di vegetali o altri materiali connessi alle attività agricole, e, nell'ambito domestico, è vietato accendere caminetti, stufe, termocamini alimentati a legna o altre biomasse.

Il provvedimento si è reso necessario a seguito dell'ultimo bollettino della rete regionale di monitoraggio qualità dell’aria del 6 febbraio scorso, che per cinque volte ha fatto registrare lo sforamento preoccupante dei parametri di PM10, polveri sottili in due centraline predisposte.