"Fermezza e umanità": Capriglia abbraccia il suo Generale

Cittadinanza onoraria per il Comandante Capolupo della Guardia di Finanza dal 2012 al 2016

fermezza e umanita capriglia abbraccia il suo generale
Capriglia.  

“Se mi affaccio da questa finestra vedo ancora casa mia. La mia giovinezza, gli studi, le partite a pallone, quanti ricordi!” E’ emozionato il generale Saverio Capolupo nel ricevere dal sindaco Nunziante Picariello la cittadinanza onoraria nella sala consiliare del Comune di Capriglia Irpina.

Ai vertici della Guardia di Finanza dal 2012 al 2016, oggi consigliere di Stato e nominato da Papa Francesco consulente delle strutture previste dall’Ordinamento giudiziario nello Stato della Città del Vaticano in materia economica, tributaria e fiscale.

La sala è gremita, ci sono tanti sindaci, i riferimenti locali delle Forze dell’ordine, il Prefetto Tirone. “Dopo la cittadinanza onoraria di Avellino mi mancava quella del mio Paese – commenta Capolupo – questi riconoscimenti, dovrebbero essere da esempio per i giovani di questa terra ma deve essere chiaro che la legalità deve prevalere sempre su tutto. Fermezza e umanità sono stati i cardini alla base della mia vita. Qualcuno ha malignato dicendo che questo tributo è un po’ tardivo. Io dico che non è mai tardi, fa sempre piacere e in casa propria lo è ancora di più".

Inevitabile un passaggio sul momento che vive l’Irpinia. “Penso sia un territorio in crescita, ma mai dimenticare di coltivare i propri ideali, altrimenti è finita”.