"Le strisce rimarranno lì. Ciarcia candidato? Deve dimettersi"

Festa parla a margine dell'assemblea Asi: "Fiduciosi per il rientro nel consorzio"

le strisce rimarranno li ciarcia candidato deve dimettersi

Il caso dell'attraversamento multicolor di via Matteotti fa discutere

Avellino.  

“Le strisce colorate rimarranno lì, se il caso la farò diventare una battaglia nazionale”. Gianluca Festa sembra ignorare la bocciatura che sarebbe arrivata dal Ministero dei Trasporti sulle strisce enjoy di via Matteotti. Ordine di cancellarle e multa di 400 euro che sarebbe in arrivo ma Festa tira dritto per la sua strada.

“Non si può colpevolizzare solo Avellino, sarebbe quanto meno sospetto, o le togliamo dovunque o da nessuna parte, valuteremo ma siamo fiduciosi”. La notizia ha innescato inevitabili reazioni. Il capo dell'opposizione Luca Cipriano, in un post su facebook, commenta laconico: la città ridicolizzata, mentre buona parte degli avellinesi al nostro microfono difendono l'iniziativa.

Il primo cittadino parla a margine dell'assemblea Asi nell'hangar di Pianodardine. Il via libera all'unanimità al bilancio 2019 del Consorzio industriale potrebbe agevolare nel prossimo futuro il ritorno del comune capoluogo, per ora bocciato dai revisori dei conti.

Infine un passaggio di Festa sulla candidatura, ora ufficiale, di Michelangelo Ciarcia, amministratore unico di Alto Calore, alle elezioni regionali. “Ribadisco quello che ho sempre detto. Secondo me deve dimettersi, chi è alla guida di enti pubblici non può fare politica”.