Commercianti e imprenditori in piazza: così andremo in rovina

La manifestazione pacifica davanti la prefettura di Avellino

commercianti e imprenditori in piazza cosi andremo in rovina
Avellino.  

Titolari di bar, pasticcerie, ristoranti, palestre e agenzie viaggio in piazza per protestare contro le restrizioni del Governo e soprattutto contro la chiusura anticipata alle 18 di tutti i ristoranti e bar. Davanti la prefettura di Avellino, in maniera del tutto pacifica, erano in centinaia i rappresentanti della piccola imprenditoria avellinese, per chiedere di essere ascoltati e di avviare un’azione comune contro i provvedimenti regionali. “Senza incentivi economici e con lo stop delle attività alle 18 verrà decretata la “morte” di molte attività commerciali di Avellino. Già ora molte di queste hanno preferito non alzare la saracinesca. I pub e i bar che lavorano soprattutto di sera non hanno alcun motivo di restare aperti - dicono in tanti - i costi di del personale, dei servizi e sono superiori alle entrate.