Scuole chiuse ad Avellino, esposto Codacons in Procura

Il caso del capoluogo: alle superiori solo tre settimane in presenza per alunni e professori

scuole chiuse ad avellino esposto codacons in procura
Avellino.  

Ad Avellino ancora dad alle superiori e arriva l’esposto Codacons. Inoltrata la denuncia alla procura della Repubblica stamattina dal Codacons. Festa finisce sotto attacco. Insomma, le scuole superiori chiuse ad Avellino scatenano la storica associazione dei consumatori. Un caso unico, quello del capoluogo irpino che in un anno ha contato solo tre settimane di lezioni in presenza.

Dad anche per questa settimana per diretta ordinanza del sindaco Gianluca Festa e scende in campo il Codacons Campania con il vice presidente nazionale, l’avvocato Matteo Marchetti, che ha annunciato che oggi presenterà un esposto alla Procura della Repubblica di Avellino. Il provvedimento del sindaco aveva detto il prefetto di Avellino, Spena -non è in linea con le indicazioni del Governo, della Regione e dell’Asl. Lo stesso prefetto aveva invitato tutti i sindaci a collaborare. Dal canto suo il primo cittadino di Avellino ha più volte ribadito la necessità di proseguire in dad visto l’alto numero di contagi in provincia e visto che la maggior parte degli studenti delle superiori arriva in città dai comuni irpini

Intanto il covid continua ad uccidere: un morto al Moscati e sono 37 i nuovi casi ma su appena 438 tamponi. A perdere la vita un 73enne di Capriglia Irpina, che era ricoverato dallo scorso 13 aprile. Il sindaco Nunziante Picariello, a nome della giunta, del consiglio comunale e della popolazione ha espresso vicinanza e cordoglio ai familiari dell’anziano. Nelle aree Covid dell’azienda Moscati risultano ancora 58 ricoverati e i malati sono sempre più giovani.

Ancora scuole costrette a sospendere le lezioni in presenza. Insegnante positiva e chiude la scuola di Forino- «A seguito del riscontro della positività di un’insegnante della scuola dell’Infanzia Gianni Rodari ho provveduto, immediatamente, alla chiusura in via cautelare e precauzionale del plesso scolastico per la giornata di martedì 11 maggio”.