Covid e scuole, in Irpinia partono i test salivari

La preside del Mancini dopo il caso positivo: "ragazzi sereni. Aspettiamo modifiche piano trasport

covid e scuole in irpinia partono i test salivari
Avellino.  

Dopo appena una settimana dalla riapertura degli istituti scolastici, torna l'allarme Covid tra i banchi di scuola.

E la Regione corre ai ripari. In linea con il Piano per il monitoraggio della circolazione di SARS-COV-2 nelle scuole primarie e secondarie di primo grado, Palazzo Santa Lucia ha comunicato all’Asl di Avellino le 14 scuole-sentinella che saranno interessate dal monitoraggio nella provincia di Avellino.

Si è partiti ieri con i primi 3 istituti scolastici, a Mirabella Eclano, Sant’Angelo dei Lombardi e Volturara Irpina, presso i quali verranno raccolti i primi 75 test salivari molecolari da analizzare, al fine di monitorare l’andamento dell’infezione da Covid nella popolazione studentesca nella fascia dai 6 agli 11 anni e dai 12 ai 14 anni.

L’Azienda Sanitaria Locale ha consegnato i primi 75 kit di test PRC che verranno somministrati in ambito familiare agli studenti aderenti, secondo le indicazioni fornite dalla stessa Asl, per poi essere raccolti e analizzati in laboratorio. I campioni verranno raccolti con cadenza quindicinale al fine di garantire un monitoraggio costante della popolazione scolastica interessata.

Ma intanto dopo Domicella, Rotondi, Atripalda e Montefredane il virus è tornato a circolare anche nel capoluogo con una classe finita in isolamento al liceo scientifico “Mancini” per la positività di una studentessa. “Credo che il contagio non si allarghi perchè abbiamo già fatto fare altri tamponi e sono risultati tutti negativi – spiega la dirigente Gianfelice – i ragazzi qui a scuola sono piuttosto sereni ma siamo tanti, 1.400, per cui ci aspettiamo anche modifiche al piano trasporti".