Sigaretta accesa nel letto: Maria Nicola muore tra le fiamme

Tragedia in un'abitazione di Grottaminarda

sigaretta accesa nel letto maria nicola muore tra le fiamme

Il rogo si è sviluppato velocemente, le fiamme sono partite dal materasso, scatenate probabilmente da una sigaretta lasciata accesa dalla stessa donna..

 

di Simonetta Ieppariello 

Dramma questa mattina a Grottaminarda, dove una 65enne ha perso la vita in un incendio divampato nella sua abitazione. Secondo una prima ricostruzione, la donna, Maria Nicola Donnarumma, da tempo allettata per le sue condizioni di salute, è morta a causa delle fiamme che hanno invaso la camera da letto in cui dormiva, in un appartamento al terzo piano in via Meucci.

Il rogo si è sviluppato velocemente, le fiamme sono partite dal materasso, scatenate probabilmente da una sigaretta lasciata accesa dalla stessa donna, che avrebbe tentato di mettersi in salvo. Il corpo presenta numerose ustioni e bruciature, ma non si esclude che il decesso sia avvenuto per asfissia. Tutte ipotesi che ora sono al vaglio degli inquirenti.

A far scattare l'allarme poco dopo le 11.30, alcuni vicini che hanno notato il fumo fuoriuscire dalle finestre della casa nella quale la malcapitata viveva sola. I vigili del fuoco hanno prontamente spento il rogo, arrivando nella palazzina grazie ad una scala. In questo modo hanno consentito l'accesso ai sanitari del 118. Tutto inutile, per la 65enne nulla da fare. Il suo cuore aveva già cessato di battere quando medico e assistenti sono arrivati a soccorrerla.
Sul posto, per i rilievi, i carabinieri della stazione di Grottaminarda insieme ai colleghi del Nucleo Operativo della Compagnia di Ariano Irpino diretti dal capitano Andrea Marchese con il medico legale che ha effettuato un primo esame esterno.

La comunità grottese è sotto choc per quanto accaduto. In tanti si sono assiepati sotto il condominio dove Maria Nicola viveva da anni, cullandop la speranza, risultata vana, che potesse salvarsi. Amarezza, lacrime e disperazione tra amici, conoscenti e parenti della vittima per la sua tragica fine.