Riciclaggio, fermati con 20mila euro addosso: soldi restituiti

La difesa ha ottenuto dal Riesame la restituzione immediata del denaro.

riciclaggio fermati con 20mila euro addosso soldi restituiti
Avellino.  

 

di Andrea Fantucchio 

La finanza aveva sequestrato 20mila euro a due imprenditori conciari della Valle dell'Irno accusati di riciclaggio e false fatturazioni per operazioni inesistenti. Un sequestro che aveva avuto una notevole eco: visto che gli indagati erano stati trovati con addosso cospicue somme di denaro che avevano insospettito gli investigatori, spingendoli a eseguire delle perquisizioni domiciliari e ad acquisire anche documenti relativi all'attività svolta.

Ora il provvedimento è caduto davanti ai giudici del Riesame: i soldi dovranno essere immediatamente restituiti ai proprietari. Gli avvocati, Ennio Napolillo e Raffaele Moretti, hanno puntato il dito contro diverse lacune presenti nel decreto di sequestro. A partire dalla assenza finalità del provvedimento che non appariva adeguatamente giustificato. Anche perché – su questo punto la difesa è stata esaustiva – non c'erano altre indagini da compiere sulle banconote, eccetto quelle relative ai numeri di serie già realizzate. Inoltre, proprio il denaro, rispetto alle contestazioni (riciclaggio e false fatturazioni), non può intendersi come corpo di reato e quindi rimanere sotto sequestro. I giudici del Riesame di Avellino (Roberto Melone, Francesca Spella e Antonio Feleppa) hanno condiviso tutte le eccezioni sollevate dagli avvocati e disposto la restituzione della somma ai due imprenditori.