Scandone, inizia una nuova corsa contro il tempo

Venticinque giorni all'inizio del campionato di Serie B: serve tutto. Novità sul fronte DelMauro

scandone inizia una nuova corsa contro il tempo
Avellino.  

Venticinque giorni alla palla a due della prima giornata del girone D, sul parquet del Basket Scauri. Per la Scandone inizia una corsa contro il tempo dopo il semaforo verde da parte della Lega Nazionale Pallacanestro in merito alla validità della fideiussione ed in attesa del definitivo ok alla ripartenza dalla Serie B con l'ultimo atto, salvo colpi di scena meramente formale, ovvero, la ratifica dell'iscrizione da parte della Federazione Italiana Pallacanestro. Dal punto di vista tecnico manca, ancora, tutto: un coach (prima scelta Gianlcua De Gennaro, ndr), uno staff tecnico e un roster. In tal senso, occhio alla questione lodi: in particolare a uno che, se fosse confermato essere esecutivo, andrebbe assolutamente risolto per dare il via ai tesseramenti. La terza serie nazionale impone, inoltre, l’ingaggio di almeno 7 "senior" e 3 "under" (classe '98, '99 e 2000), tutti di formazione italiana, e, nel caso, l’ingresso in squadra di due giovanissimi nati tra il 2000 ed il 2004 come eventuali undicesimo e dodicesimo cestista. È anche obbligatoria la partecipazione ad almeno tre campionati giovanili. A meno di deroghe o possibili accordi, per il vivaio, con altre società, non si può più attendere e servono, come il pane, uno o più sponsor per garantire liquidità da investire sul mercato, data l'amministrazione controllata a cui è, come noto, sottoposta la Sidigas. Dal Comune di Avellino, oltre a un supporto per la ricerca di partner commerciali e tecnici per i biancoverdi, nelle more del bando per l'assegnazione della gestione dell'impianto sportivo, ci sarebbe pure un'apertura per mettere a disposizione il PalaDelMauro a costi ridotti, ovviamente, in ossequio dei criteri indicati nel pre-dissesto.