Assalto fallito a portavalori, istanza di ricusazione del gup

Nove imputati, nuova udienza preliminare a giugno

assalto fallito a portavalori istanza di ricusazione del gup
Benevento.  

L'udienza preliminare era in programma questa mattina, ma è slittata al 19 giugno, in attesa che la Corte di appello si pronunci sull'istanza di ricusazione del giudice Maria Ilaria Romano avanzata dall'avvocato Fernando Scaramozza, uno dei difensori delle nove persone di cui il pm Maria Gabriella Di Lauro ha chiesto il rinvio a giudizio in un'indagine dei carabinieri di Barletta su alcune rapine ai portavalori sventate o programmate tra Puglia, Campania e Basilicata.

Si tratta di un'inchiesta diretta dalla Procura di Trani, che nel marzo del 2016 era stata scandita dall'esecuzione di alcune misure cautelari, poi annullate e non più adottate dopo la decisione con la quale la Cassazione aveva accolto l'eccezione sulla competenza territoriale sollevata dallo stesso legale, disponendo la trasmissione degli atti alla Procura di Benevento.

L'elenco degli imputati include Donato Mariano Leone, 58 anni, Michele Sciannamea, 50 anni, Nunzio Sciannamea, 52 anni, Antonio Lenoci, 48 anni, tutti di Canosa, Nicola Cairella, 53 anni, di Foglianise, Giovanni Matarrese, 51 anni, di Andria, Nicola Parzanese, 58 anni, di Monteecalvo Irpino, Luigi farina, 66 anni, ed Antonio Martino, 70 anni, entrambi di Buonalbergo. Diverse le posizioni e le accuse contestate, che vanno, a vario titolo, dall'associazione per delinquere al porto di armi, alla tentata rapina, al riciclaggio ed alla ricettazione di auto e mezzi rubati.

L'addebito associativo è prospettato per Leone, i due Sciannamea e Lenoci, che poi devono rispondere, in concorso con Cairella, di una tentata rapina che risale al 3 febbraio di due anni. Secondo gli inquirenti, quella mattina l'assalto a mano armata sarebbe dovuto scattare alla frazione Terranova di Arpaise, lungo la strada che conduce a Roccabascerana.

Il colpo era fallito perchè il furgone portavalori della Cosmopol partito da Avellino aveva cambiato itinerario. E non casualmente. Perchè la variazione di percorso era stata suggerita dagli investigatori sulla scorta, evidentemente, del contenuto delle intercettazioni telefoniche che avevano a disposizione.

Tutti gli altri sono invece stati chiamati in causa solo rispetto al destino di targhe, macchine e autocarri utilizzati. E' il caso di Farina e Martino, tirati in ballo perchè possessori di un capannone nelle campagne di Buonalbergo, preso in fitto alcuni anni fa da una curatela fallimentare, nel quale erano state  rinvenute il 21 febbraio una Bmw, una Lancia Delta ed una Fiat Bravo risultate rubate  a Roseto degli Abruzzi e a Bari.

Comparsi all'epoca, per rogatoria, dinanzi al gip Gelsomina Palmieri, per l'interrogatorio di garanzia, entrambi avevano sostenuto di non essere gli unici ad avere le chiavi dell'immobile, e di non aver mai saputo alcunchè rispetto alla provenienza illecita delle vetture.

Oltre a Scaramozza, sono impegnati nella difesa gli avvocati Feliciano Salierno, Achille Cocco, Mario Malcangi, Cosimo Ciotta, Antonello Aucelli, Giacomo Lattanzio, Vincenzo Princigalli, Mariangela Malcangio, Giangregorio De Pascalis.

(foto di repertorio)

Esp