"Ha abusato del figlio", imprenditore accusato... via telefono

In aula, a settembre, una storia molto delicata

ha abusato del figlio imprenditore accusato via telefono
Benevento.  

Una storia a dir poco complicata. Costellata da un processo già in corso – l'udienza odierna dinanzi al Tribunale è stata rinviata all'11 settembre per l'astensione dei penalisti – a carico dell'uomo, accusato di aver abusato del figlio; e da un'udienza preliminare, per calunnia, nei confronti della moglie. Una storia estremamente delicata e controversa,  dai contorni per nulla definiti. Capita spesso, purtroppo, quando di mezzo ci sono i contrasti tra coniugi e il destino dei figli. Arriva da un centro della provincia non distante dal capoluogo sannita, l'imputato ha 55 anni ed è un imprenditore con interessi anche al di là dei confini provinciali.

Assistito dall'avvocato Andrea De Longis junior, ha sempre respinto quel pesantissimo addebito che gli è stato contestato: avrebbe toccato nelle parti intime il figlioletto, che all'epoca aveva 10 anni, e lo avrebbe costretto a fare altrettanto con le sue. I fatti risalgono al 2009, l'anno nel quale la donna era tornata con una delle figlie nel Paese di cui è originaria.

Successivamente era rientrata in Italia, dove era rimasta fino a quando era scappata all'estero con i tre figli, tutti minori. Il marito l'aveva denunciata per sottrazione di minori, lei lo aveva accusato di aver riservato le sue 'attenzioni' al bimbo, peraltro ascoltato telefonicamente, al cospetto della mamma, da una polizia straniera: una circostanza sulla quale la difesa ha sempre puntato il mirino.

Gli atti erano stati trasmessi alla Procura di Benevento, di qui l'avvio di un'indagine condotta dal sostituto Marcella Pizzillo, sfociata nel rinvio a giudizio. Una situazione alla quale l'uomo aveva controbattutto con un'ipotesi di calunnia avanzata nei confronti della consorte. La Procura aveva proposto l'archiviazione in due occasioni, nell'ultima il gip Maria Ilaria Romano aveva invece disposto l'imputazione coatta. Il 12 aprile, per la consorte, l'appuntamento dinanzi al Gup.

Esp