Paziente morta, assolto medico di famiglia: fatto non sussiste

La sentenza per la dottoressa Marisa Panella, di Bucciano

paziente morta assolto medico di famiglia fatto non sussiste
Benevento.  

L'avevano chiesta sia il pm Marilia Capitanio, sia la difesa, rappresentata dall'avvocato Vittorio Fucci. E assoluzione è stata. L'ha decisa il giudice Fallarino, perchè il fatto non sussiste, nei confronti della dottoressa Marisa Panella, di Bucciano, chiamata in causa per la morte di una 60enne di Moiano, avvenuta nella notte tra il 20 ed il 21 aprile del 2013.

La professionista era stata rinviata a giudizio nel novembre 2017 sulla scorta di un'imputazione coatta stabilita dal gip Maria Ilaria Romano in un'indagine di cui la Procura aveva proposto per due volte l'archiviazione.

Secondo i familiari della vittima, il decesso sarebbe stato determinato da un infarto causato da uno choc anafilattico scatenato da un antibiotico che l'imputata le avrebbe prescritto nonostante, a loro dire, fosse a conoscenza dell’intolleranza al principio attivo del farmaco. Una relazione, quella tra una causa allergica e l'infarto, che non è emersa dal dibattimento. Di qui la la revoca della costituzione di parte civile del figlio della donna, assistito dall'avvocato Sergio Rando. Oggi pomeriggio, dopo l'intervento del difensore, l'assoluzione dell'imputata.