Autopsie e indagini più rapide, presto pool di medici legali

FOTO - Oggi al San Pio inaugurata la nuova Unità operativa con sale autoptiche anche per Covid

autopsie e indagini piu rapide presto pool di medici legali
Benevento.  

L'auspicio, o meglio il progetto, è quello di dotare l'azienda ospedaliera San Pio di Benevento di un pool di medici legali che potrebbero così effettuare anche le autopsie disposte dalla Procura Sannita.

È la novità emersa questa mattina proprio durante l'inaugurazione presso il padiglione San Pio della nuova area dedicata alla Medicina Legale con annessa sala autoptica rimodernata e resa più funzionale e sicura per gli specialisti che da oggi potranno anche eseguire autopsie 'Covid'.

Riapre dunque la sala autopsie al Rummo dopo alcuni mesi e in particolare dopo l'inizio della pandemia. “Con l'apertura dell'Unità operativa di Medicina Legale – ha spiegato il procuratore capo di Benevento, Aldo Policastro - non ci dovremmo più rivolgere all'ospedale di Giugliano o al Moscati di Avellino per eseguire gli esami di medicina legale”.

Il numero uno degli inquirenti sanniti, dopo aver ringraziato le strutture sanitarie del napoletano e di Avellino per “aver messo subito a nostra disposizione le loro strutture, terminano i disagi per noi della Procura che abbiamo dovuto affrontare facendo protocolli con gli ospedali che hanno accolto la nostra richiesta. Oggi grazie alla solerzia del direttore generale dell'Azienda sanitaria San Pio possiamo disporre di una struttura sicura e che ci consente di intervenire in tempi rapidi in modo da accelerare anche la restituzione delle salme alle famiglie”.

“Riteniamo – ha rimarcato il dottore Policastro – che il medico legale e i suoi collaboratori debbano lavorare in totale sicurezza. Ora questa struttura consentirà di agire con maggiore professionalità anche grazie alle strumentazioni presenti come un sistema di areazione all'avanguardia e un'area dove sarà possibile il confronto tra il consulente di parte con il consulente della Procura o il perito come nel caso di incidente probatorio. Spero – auspica il procuratore Policastro – che l'azienda San Pio si doti di propri specialisti di medicina legale da poter utilizzare per la nostra attività. Tengo che l'attività di perizia venga espletata rapidamente. A volte siamo di fronte a situazioni in cui il deposito delle consulenze avviene in ritardo facendo allungare i tempi del processo”.

Auspicio, quello di un pool di medici legali che esegua le autopsie disposte dalla Procura accolto e rilanciato anche dal direttore generale del San Pio, Mario Nicola Vittorio Ferrante: “Ci attrezzeremo per avere medici legali a disposizione sia per l'azienda che per la Procura con una convenzione”. E sull'inaugurazione dell'Unità operativo di medicina legale, il dottore Ferrante spiega come con l'operazione di restyling “si è data dignità sia alle operazioni di Medicina legale che riguardano la Procura e il Tribunale, che per le persone, per i cittadini con la sistemazione anche delle camere mortuarie”.

Presenti all'inaugurazione anche il presidente del Tribunale, la dottoressa Marilisa Rinaldi, alcuni sostituti procuratori, i medici legali e i rappresentanti delle forze di Polizia con il Questore Luigi Bonagura e il comandante provinciale dei carabinieri, Germano Passafiume.