Fase2, Coldiretti: riapertura ristoranti vale 20milioni

L'anali sugli effetti della ripartenza di bar, mense e ristoranti

fase2 coldiretti riapertura ristoranti vale 20milioni

"L’attesa riapertura di bar, ristoranti, pizzerie, pasticcerie e gelaterie ha un effetto valanga sull’agroalimentare nazionale con la ripresa degli acquisti di cibi e bevande che vale almeno 20 miliardi all’anno a pieno regime". E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento all’attesa riapertura delle "attività di ristorazione decisa dal Governo con l’accordo delle regioni. Il lungo periodo di chiusura – sottolinea la Coldiretti – ha pesato su molte imprese dell’agroalimentare Made in Italy, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche su salumi e formaggi di alta qualità che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco. Nell’attività di ristorazione – sottolinea la Coldiretti - sono coinvolte circa 330mila tra bar, mense e ristoranti lungo la Penisola dove non tutte le attività riapriranno immediatamente per avere piu’ tempo per l’adeguamento e garantire il rispetto dei vincoli fissati".

"La spesa degli italiani per pranzi, cene, aperitivi e colazioni fuori casa prima dell’emergenza coronavirus – prosegue l'associazione di categoria – era pari al 35 per cento del totale dei consumi alimentari degli italiani. La riapertura è strategica anche per i 24mila agriturismi italiani che, spesso situati in zone isolate della campagna in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto, sono forse – continua la Coldiretti – i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza fuori dalle mura domestiche. A maggiore garanzia degli ospiti è stato elaborato da Terranostra il protocollo nazionale per la sicurezza anti Covid-19 per le quasi 9 milioni di presenze estive nelle campagne italiane. Con l’arrivo della bella stagione - conclude la Coldiretti - sostenere il turismo in campagna significa anche evitare il pericoloso rischio di affollamenti al mare e nelle città con la valorizzazione dei percorsi naturalistici e degli spazi a tavola dove assaggiare le specialità della tradizione contadina dell’enogastronomia Made in Italy".