Primavera, sconfitta nel test con la Roma

Interessanti indicazioni per Bovienzo in vista del campionato

primavera sconfitta nel test con la roma
Benevento.  

Roma – Benevento 2-0

Roma (4-3-3): Greco (12'st Cardinali); Parodi, Cargnelutti (12'st Santese), Coccia (12'st Trasciani), Semerano; Meo (12'st Marcucci), Nigro, Simonetti; Buso, Bucri (12'st Celar), Cangiano (12'st D'Orazio). A disp.: Zamarion. All.: De Rossi

Benevento (4-3-3): Carriero; Peluso, De Caro, Pastina (35'st Mirante), De Siena (26'st RIllo); Cuccurullo (26'st Fall), Nembot (26'st Balsamà), Sanogo; Rimoli (7'st Dublino), Pinto (15'st Di Serio), Mancino (26'st Alba). A disp.: Picerno, De Luca. All.: Bovienzo

Marcatori: 11'pt Buso, 2'st Coccia

Sconfitta per il Benevento nel test amichevole giocato quest'oggi al “Tre Fontane” contro la Roma. I sanniti hanno affrontato una delle compagini giovanili più forti d'Italia che, tra l'altro, presentava in lista ben quattro '99. Dopo un avvio equilibrato, i padroni di casa hanno sbloccato il risultato all'undicesimo con Buso, il quale è stato bravo a insaccare alle spalle di Carriero dopo un lungo batti e ribatti. I capitolini facevano girare palla, mantenendo un baricentro piuttosto alto. Il Benevento provava a rendersi pericoloso con le ripartenze. Al 27' si è fatto vedere Mancino in contropiede che ha servito Pinto, ma l'attaccante è stato anticipato da Greco. Nei minuti successi la Roma si è resa prima pericolosa con Simonetti e poi con Cangiano, con quest'ultimo che ha colpito l'incrocio dei pali su calcio di punizione.

La ripresa non è cominciata in maniera positiva per il Benevento che ha subito il raddoppio, realizzato da Coccia con un colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo. A quel punto i sanniti si sono fatti vedere a sprazzi. Bovienzo ha inserito vari elementi per valutarli attentamente in vista dell'esordio in campionato, in programma il prossimo 15 settembre contro il Frosinone. Per la sua squadra è stato senza dubbio un test che ha fornito delle interessanti indicazioni, sia sul piano tecnico che fisico.

Ivan Calabrese