Napoli: pronto il bando per affidare la distribuzione del gas

Si individuerà il concessionario che curerà, per i prossimi 12 anni, il servizio pubblico di distribuzione

napoli pronto il bando per affidare la distribuzione del gas
Napoli.  

Il Comune di Napoli ha pubblicato sul sito istituzionale il bando di gara per l'affidamento in concessione del servizio di distribuzione del gas naturale nell'Ambito territoriale di Napoli1 - Città di Napolie Impianto Costiero. 

Con questa procedura si individuerà il concessionario che curerà, per i prossimi 12 anni, il servizio pubblico di distribuzione del gas naturale nei Comuni dell'ambito territoriale di Napoli1, ambito che comprende i comuni di Napoli, Portici, Ercolano, San Giorgio a Cremano, Torre Annunziata e Torre del Greco. La gara prevede che l'impresa aggiudicataria acquisisca, per la durata dell'affidamento, la proprietà degli impianti di distribuzione con l'obbligo di assumere il personale del gestore uscente in conformità alla più recente normativa in materia di tutela dell'occupazione del personale. Il valore degli impianti del comune che verranno trasferiti al nuovo gestore è stimato in circa 34,5 milioni di euro. L'importo contrattuale della procedura di gara è di 652,1 milioni di euro, il valore annuo del servizio è di circa 54,3 milioni di euro. Il termine ultimo per la presentazione delle offerte è fissato al 21 ottobre 2019. 

“Con la pubblicazione di questo bando di gara - spiega l'assessore alle Infrastrutture e al Trasporto Mario Calabrese - si conclude un percorso tecnico-amministrativo che con il Servizio Strade e grandi reti tecnologiche ha impegnato l'Amministrazione comunale nel complesso ruolo di capofila di uno degli Ambiti territoriali più grandi d'Italia. Il nuovo gestore sarà individuato valutando i livelli di sicurezza e qualità offerti, gli interventi di estensione e potenziamento della rete, le proposte di innovazione tecnologica e di risparmio energetico, nonché gli sconti offerti sulle tariffe e sui corrispettivi dovuti rispetto ai valori fissati dall'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente".