Napoli in testa nel commercio di souvenir

La città partenopea è la seconda in Italia per numero di imprese del settore

napoli in testa nel commercio di souvenir
Napoli.  

Un mercato florido da 700 milioni di euro quello del commercio di souvenir in Italia con circa 18mila imprese attive in tutto il Paese. I dati della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi mettono in luce un quadro importante di un settore che sta diventando sempre più florido e che cresce insieme con il settore turistico. 

Napoli con le sue 1.534 imprese è seconda solo a Roma (1628) mentre supera Milano (860), Venezia (692) .

In più la città partenopea primeggia nel numero di attività che vendono bomboniere, a Napoli ve ne sono 162 delle 1.301 di tuttaItalia. Roma invece è prima per il commercio degli oggetti di culto, Milano per quello di oggetti d’arte e Venezia per gli oggetti di artigianato. 

Napoli però rappresenta solo il 4% del business nazionalele per oltre 30milioni di euro, mentre Milano con  162 milioni rappresenta il 23% del mercato nazionale. Roma con 123 milioni il 18%, Venezia con 65 il 9%, Firenze con 46 milioni il 7%. 

Un settore che se organizzato e incentivato potrebbe aumentare di valore e diventare un vero e proprio comparto strategico per il capoluogo campano.