Napoli, De Laurentiis è perentorio: "A Liverpool per vincere"

Azzurri già proiettati alla sfida decisiva dell'11 dicembre ad Anfield. Hamsik: "Crediamoci"

napoli de laurentiis e perentorio a liverpool per vincere
Napoli.  

 

di Marco Festa

«Andremo a Liverpool per vincere.» Parole e idee firmate Aurelio De Laurentiis. Nel corso di un'intervista a Sky, il presidente del Napoli ha trasmesso tutta la sua carica in vista della sfida che può valere l'accesso agli ottavi di finale: «Anfield? È un teatro del calcio dove può accadere di tutto. Saremo nella fossa dei leoni. Vedremo pure cosa accadrà a Belgrado tra Stella Rossa e Psg.»

E poi giù con retroscena e parole d'elogio Ancelotti: «Con lui mi sentivo da cinque anni. Ora ho avuto la possibilità di capire davvero tutto il suo valore. Divento matto quando vedo gli allenatori che si disperano in panchina, invece lui no. È una persona distesa, tranquilla, che dà serenità anche agli altri. Del resto non ha nulla da dimostrare.»

Messaggi d'amore anche per capitan Hamsik, sempre più nella storia del club: «Me lo hanno chiesto sia Moratti, sia Allegri, ai tempi del Milan, ma anche alla Juventus. Marek è sempre rimasto con noi.»

La carica di Marekiaro - E a fare eco alle parole del suo presidente ci ha pensato proprio Hamsik, fresco di 121esima rete con la maglia del Napoli, attraverso la versione slovacca del suo sito ufficiale. «Siamo felici di aver fatto divertire il nostro pubblico coi tre punti, sono felice per il gol, ma la cosa più importante è stata la vittoria. Contro il Liverpool? Sarà una grande partita. Faremo di tutto per superare il turno, ci crediamo. Siamo una grande squadra.»

La gara dal sapore di finale, che mette in palio gli ottavi di finale - con annesso tesoretto di 60 milioni di euro da incassare in caso di qualificazione - è ancora tutto sommato lontana nel calendario, che prevede, prima, due appuntamenti in campionato: il prossimo lunedì sera a Bergamo, contro l'Atalanta, e sabato 8 dicembre, al “San Paolo”, contro il Frosinone. Nei pensieri è, però, ancora viva la soddisfazione per il secco 3-1 rifilato alla Stella Rossa e la mente vola inevitabilmente alla notte magica di martedì 11 dicembre quando gli azzurri scenderanno in campo col petto gonfio d'orgoglio per essere capolista del girone C. Quello, che alla vigilia, sembrava una sorta di sentenza di condanna all'eliminazione. «Dopo cinque turni chi avrebbe mai creduto al nostro primo posto senza mai perdere?» ha infatti evidenziato, non per caso, proprio Hamsik concludendo la sua riflessione a mezzo web.

Albiol e Verdi, il bollettino dall'infermeria - E allora, avanti tutta tra sogno e realtà. Quest'ultima restituisce anche una leggera distorsione alla caviglia per Albiol, che ieri mattina ha svolto terapie e un lavoro di scarico a Castel Volturno dopo i 45 minuti giocati, prima della sostituzione, contro i serbi. Ancora una settimana di riposo assoluto per Verdi, reduce da una distorsione alla caviglia sinistra. L'attaccante è rimasto a Bologna dove ha cominciato le cure. Nella peggiore delle ipotesi il suo rientro slitterà all’anno nuovo.