Vaccini,"Prima fragili e anziani. No a scorciatoie di De Luca"

Salerno, le associazioni Salute e Vita ed Help scrivono al Governo

vaccini prima fragili e anziani no a scorciatoie di de luca
Salerno.  

E' polemica sulle dichiarazioni del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in merito alle priorità per le persone da vaccinare. Le associazioni Salute e Vita ed Help Tutela e Sostegno dei Consumatori "Chiedono il rispetto della legge dello Stato" ed inviano una missiva al premier Draghi, al ministro Speranza, al commissario straordinario Figliuolo, spiegano che De Luca per denunciare "l’ennesimo scontro istituzionale tra Regione Campania e Governo nazionale, portato avanti, in maniera strumentale, da Vincenzo De Luca."

"Il presidente della Regione, a nostro giudizio, tenta così di nascondere il fallimento  delle scelte fatte fino ad ora nella gestione della sanità campana,  sanità che  durante questa pandemia ha mostrato ancora di più le sue inefficienze e l’assoluta inadeguatezza. Sanità che nella nostra regione sembra essere, più che altrove,  figlia di una classe politica attenta troppo spesso  al consenso personale, più che alla tutela della salute dei cittadini." Si legge nella missiva.

Peri i rappresentanti delle associazioni, il presidente De Luca vuole "Procedere al di sopra della legge."

"La cosa GRAVE questa volta è che al primo posto non vi sia la tutela della Salute dei cittadini campani, tutela che dovrebbe essere prioritariamente rivolta a quelli più fragili e anziani, ma dalle ultime dichiarazioni, sembra che l’obiettivo sia ancora una volta quello di rispondere alle istanze di lobby e categorie. Un’azione tesa, parrebbe, a garantirsi un consenso personale, piuttosto che fare ciò che è più giusto per le persone e per la comunità.  Negli ultimi giorni abbiamo dovuto ascoltare dal Presidente De Luca: "In Campania non procederemo per fasce d'età". " Per i presidenti si tratta di parole "gravissime", soprattutto in relazione al numero ancora alto di contagi. 

"Dichiarazioni dolorose se rapportate alle decine e decine di morti al giorno -  persone fragili e anziani, vittime che con un piano vaccinale più efficace si sarebbero potute evitare.  In questo marasma, la volontà politica di Vincenzo De Luca è quella di procedere favorendo le categorie, questa volta quella turistica, mettendo al secondo posto gli anziani ultra settantenni e i fragili. In questi mesi numerose ci sono pervenute le testimonianze di persone, uomini e donne, che da più di un anno sono chiuse in casa isolate privati della loro vita e dai loro affetti. In questo contesto le intenzioni del Presidente De Luca feriscono profondamente e colpiscono una fetta della popolazione che non ha gli strumenti per difendersi e che chiede di essere aiutata e di essere protetta." Per questi motivi i rappresentanti di Salute e Vita ed Help Tutela e Sostegno dei consumatori hanno scritto al governo "Affinché si vigili in maniera attenta per evitare che si favoriscano interessi economici a danno della comunità fragile."

"Purtroppo come associazioni siamo testimoni della mancanza di sensibilità e di volontà di tutelare la Salute come diritto costituzionale e prioritario, abbiamo subito sulla nostra pelle come il Presidente ha gestito e gestisce la questione delle Fonderie Pisano (Salerno Fratte) dove, nonostante  le parole e le promesse - le ultime affermazioni fatte il 15 maggio 2020 dove secondo De Luca le Fonderie non sarebbero state riaperte - a distanza di quasi di un anno siamo quotidianamente invasi dalla puzza nauseabonda e dalle polveri nere che continuano ad invadere la vita di circa 30 mila cittadini. 

L’appello che rivolgiamo alle autorità è di garantire il diritto alla Salute l’Art. 32 della Costituzione e che anche la Campania rispetti le priorità individuate a livello nazionale. Chiediamo di vigilare attentamente e di prendere con determinazione tutte le decisioni, compreso quello di un commissario ad acta che garantisca la tutelati gli anziani e i fragili. Non c’è più tempo da perdere: si restituisca la possibilità di VIVERE a chi da più di un anno è chiuso in casa, si smetta di pensare al consenso personale ma si lavori per il bene Comune." Concludono i due presidenti, Lorenzo Forte e Nadia Bassano.