Ospedale di Sapri: il sindaco chiede aiuto alla Regione

A rischio l'assistenza residenti e turisti

ospedale di sapri il sindaco chiede aiuto alla regione
Sapri.  

Il sindaco Giuseppe Del Medico ha inviato una lettera alla Regione Campania, comunicando la preoccupazione per la situazione dell'Ospedale di Sapri: “il tavolo permanente sulla sanità del Golfo di Policastro e dell’ospedale di Sapri ha chiesto al Presidente Vincenzo De Luca e al suo Consigliere dott. Enrico Coscione di internevire con urgenza per porre rimedio alla gravissima situazione che, di fatto, chiude l’UTIC di Sapri”. Il primo cittadino lo ha precisato dopo che la direzione dell’ospedale Dell’Immacolata di Sapri ha emanato un provvedimento che limita il funzionamento dell’Unità di terapia intensiva cardiologica.

“E’ messa a rischio – ha precisato Del Medico – la vita dei cittadini del Golfo di Policastro e delle miglia di turisti nostri ospiti, non possiamo attendere è necessario agire con immediatezza”. Il provvedimento è stato emanato in vista della carenza di medici, ridotti ormai a quattro, contro gli 8+1 previsti in pianta organica. Il tutto rende impossibile la formulazione dei turni di servizio, con guardia attiva H24, per l’UTIC.

“Si attua, così, un percorso negativo che ha, negli ultimi anni, già fortemente ridimensionato i ricoveri ordinari cardiologici e abolito le prestazioni ambulatoriali nel presidio Saprese”, continua il documento. “Siamo estremamente preoccupati per la sospensione delle prestazioni erogate dall’UTIC, essenziali per la tutela della sicurezza e della salute dei cittadini di Sapri e del Golfo di Policastro Riteniamo doveroso richiede all’A.S.L. salernitana l’adozione di provvedimenti urgenti e straordinari che, salvaguardando i diritti dei lavoratori, consentano la programmazione dei turni della Unità Operativa e la prosecuzione del lavoro e la tutela del diritto alla salute dei cittadini.

Contestiamo con forza il provvedimento adottato dal Direttore sanitario, che nega il diritto ad una assistenza qualificata creando allo stesso tempo disagi anche al reparto di Terapia Intensiva. Si chiede, pertanto, l’immediato ritiro del provvedimento e la contestuale riapertura a pieno regime dell’UTIC di Sapri attraverso l’invio del personale medico necessario alla copertura della turnazione h24 risolvendo definitivamente le annose carenze di organico. Certi di un sollecito e tempestivo interessamento, vista anche la gravità della situazione prospettata, la salutiamo cordialmente in attesa di un suo gradito riscontro”.

Redazione Salerno