VIDEO | Scacco ai signori della droga: 37 arresti all'alba

Dopo le faide degli anni scorsi l'accordo tra i clan De Feo e Pecoraro in nome degli affari

video scacco ai signori della droga 37 arresti all alba
Salerno.  

Trecento uomini impiegati, un blitz che ha interessato Salerno e la Piana del Sele, 8 chili di cocaina sequestrati insieme ad altri 15 di hashish, ma anche fucili a canne mozze e pistole con silenziatore. E' uno dei colpi più importanti messi a segno dallo Stato quello che all'alba ha portato a 37 arresti (30 in carcere, 7 ai domiciliari) nell'ambito dell'operazione coordinata da Procura e Dda di Salerno e che ha visto la stretta sinergia tra carabinieri e polizia.

Le accuse, a vario titolo, sono di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti con l'aggravante di favorire la camorra. In particolare, i due clan De Feo e Pecoraro: protagonisti negli anni scorsi di faide anche sanguinose, come ha sottolineato in conferenza stampa il procuratore vicario Luca Masini, ed ora alleate in nome degli affari legati allo spaccio. 

Il blitz scattato all'alba è il risultato di due distinte operazioni - poi confluite grazie alla stretta sinergia sottolineata sia dal questore Maurizio Ficarra che dal comandante provinciale dei carabinieri Antonino Neosi - in un unico filone. La droga arrivava a Salerno e in provincia tramite broker italiani e colombiani, passando per Roma e Napoli fino alla città e alla Piana. 

Fondamentali, per le indagini (partite nel 2017) le intercettazioni telefoniche ed ambientali, ma anche dalle perquisizioni e dai sequestri messi a segno in questi mesi che hanno portato a diversi arresti in flagranza. Decisive anche le testimonianze di alcuni collaboratori di giustizia. Ricostruiti dagli investigatori gli assetti dei due sodalizi criminali che dal territorio salernitano potevano contare su ramificazioni anche nel napoletano e nella provincia di Roma. 

Per la sola piazza di spaccio di Pontecagnano Faiano, è stato sottolineato nella conferenza stampa di questa mattina presso gli uffici della procura, il giro d'affari stimato è di circa 60mila euro a settimana. Un vero e proprio fiume di soldi grazie ad un'attività fiorente come quella dello spaccio di droga.