"Le luci e il mistero": due mesi dedicato all'arte visiva

La prima il 3 dicembre, una serata sarà organizzata anche nell'ex mercato rionale a Mariconda

le luci e il mistero due mesi dedicato all arte visiva
Salerno.  

Dal 3 dicembre al 5 febbraio, due mesi all’insegna dell’arte visiva, musica e poesia a Salerno. E’ stata presentata questa mattina la rassegna “Le luci e il mistero”, un rassegna organizzata dalla Fondazione Alfonso Gatto promosso dalla Regione Campania e sostenuto da Scabec s.p.a. con il patrocinio dell'Arcidiocesi di Salerno. Due le location scelto nel centro storico di Salerno, una terza è quella di Mariconda presso l’ex mercato rionale. 

A raccontare i dettagli della kermesse, a Palazzo di città, ci sono stati Vincenzo Napoli, sindaco di Salerno, Antonia Willburger assessore alla cultura Comune di Salerno, Antonio Bottiglieri, presidente Scabec, Franz Cerami, visual Artist, Filippo Trotta, fondazione Alfonso Gatto. 

Lo stesso artista, Franz Cerami, ha illustrato quello che sarà il 2 febbraio, lo spazio dell’ex mercato rionale a Mariconda. “Sono sempre stato attirato dalle periferie” racconta, “al buio, dal cemento armato. Ho sempre visto figure dipinte in quei posti sempre all’ombra delle grandi città. Quando sono stato a Mariconda mi sono immedesimato subito in quello che avrei realizzato, è stato emozionante”. Gli eventi si svolgeranno nella Sala San Tommaso del Duomo di Salerno, al Palazzo Genovese in Largo Campo e a Mariconda, tra dicembre 2019 e febbraio 2020.

La serata inaugurale è prevista nella Sala San Tommaso, Duomo di Salerno, alle ore 20 con Canti Aprocrifi, un progetto di Ambrogio Sparagna e Davide Rondoni insiema all'orchestra popolare italiana dell'auditorium di Roma. Sempre nella Sala San Tommaso, il 10 gennaio alle ore 20, si svolgeranno incontri di crossing over con la professoressa Rosa Grillo Dipsum Unisa, professore Vincenzo Esposito Dispac Unisa. L’ultima serata il 5 febbraio, si svolgeranno incontri di crossino over, “la luce nella visual art” con Franz cerami e Paola Villani.