Pallanuoto, A1: troppo forte la Pro Recco per Salerno

Rari Nantes battuta 18 a 6 dalla squadra del mito Ratko Rudic

pallanuoto a1 troppo forte la pro recco per salerno
Salerno.  

È stata una grande giornata di sport e di pallanuoto quella vissuta dagli oltre cinquecento spettatori che hanno affollato la piscina Simone Vitale mercoledì pomeriggio, per vedere all’opera i beniamini della Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno contro i campionissimi della Pro Recco. Tantissimi applausi per gli uomini di mister Rudic, tra i quali figurano tanti nazionali italiani campioni del Mondo, ma ad elencare il palmares di tutti i campioni in acqua ci vorrebbe una enciclopedia della pallanuoto. Prima del match, l’associazione “Amici Rari”, che sostiene le attività della Rari Nantes, ha premiato con una targa ricordo il sodalizio del Recco, per celebrare questo storico incontro. Un evento al quale i giallorossi hanno partecipato con merito, conquistando la promozione in A1 lo scorso anno e che hanno onorato a pieno, portando orgogliosamente in alto il nome di Salerno. Il risultato non era e non è mai stato in discussione, troppo netto il divario in acqua tra una squadra che punta a vincere tutto ciò che si può vincere e un’altra che dovrà lottare per restare nella massima serie. L’impatto è stato forte, con i giallorossi timorosi e il Recco intenzionato a mettere subito al sicuro il risultato. Il primo quarto, infatti, si chiude sull’8-2 per i biancoazzurri. Per la Rari vanno in gol Luongo e Gandini. Seconda frazione a senso unico, 5-0 per il Recco. Nella terza frazione, sciolta l’emozione e con i ritmi un po’ calati, la Rari gioca meglio e chiude in vantaggio per 3-1 grazie alla doppietta di uno straordinario Tomasic, autore tra l’altro del gol più bello dell’incontro, e di Cuccovillo, oltre ad alcune belle parate di Santini. Nell’ultimo quarto ruotano un po’ tutti gli uomini a disposizione e si conclude sul 4-1 per il Recco, in gol per la Rari ancora Tomasic. Da segnalare nella Rari il forfait all’ultimo minuto di Gennaro Taurisano per un attacco influenzale. Al suo posto il giovane Milone.

“Abbiamo approcciato male la gara e contro una squadra di questo livello lo paghi tanto. Poi dopo un brutto primo tempo abbiamo retto per quello che potevamo in questa partita. Comunque bellissima giornata di sport per tutta la citta” il commento di mister Matteo Citro a fine gara.

Archiviata la gara-festa contro il Recco, la testa della Rari è già proiettata all’importante match di sabato prossimo 26 ottobre alle ore 17,00 contro il Posillipo. Uno scontro che potrà dire molto sulle possibilità dei giallorossi in questo torneo che, escluse alcune formazioni che lottano per il vertice, sembra avviato verso l’equilibrio, soprattutto nelle zone basse della classifica. Per la gara contro il Posillipo la Rari organizzerà un pullman per i sostenitori giallorossi, il cui supporto sarà indispensabile in questa gara.

CAMPOLONGO HOSPITAL SALERNO-PRO RECCO 6-18

CAMPOLONGO HOSPITAL SALERNO: Santini, M. Luongo 1, Gandini 1, Sanges, Scotti Galletta, Gallozzi, Tomasic 3, Cuccovillo 1, Elez, Parrilli, Fortunato, Pica, Milone. All. Citro

PRO RECCO: Massaro, F. Di Fulvio 3, Mandic 3, Figlioli, Fondelli 1, Velotto 1, Renzuto Iodice 4, Echenique, Ivovic 1, E. Di Somma, Aicardi 1, S. Luongo 4, Prian. All. Rudic

Arbitri: Ricciotti e Nicolosi

Parziali: 2-8 0-5 3-1 1-4 Uscito per limite di falli Pica (S) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Salerno 3/9 e Recco 5/11 + 5 rigori. Ivovic (R) fallisce un rigore (palo) nel terzo tempo. Di Fulvio (R) fallisce un rigore (palo) nel terzo tempo. In porta Prian (R). Spettatori 600 circa