Moscati, laparoscopia record: asportata mega cisti ovarica

Il dottore Struzziero ha operato sulla cisti da 13 litri. Nessun rischio per la fertilità

moscati laparoscopia record asportata mega cisti ovarica
Avellino.  

I medici pensavano fosse arrivata in ospedale per partorire e invece quella ragazzina di soli 16 anni andava operata e subito. Un intervento da effettuare prontamente per la presenza di una cisti ovarica dalle dimensioni record, composta da una massa liquida di oltre 13 litri. Dimensioni che raramente si riscontrano in una persona giovane. Una cisti ovarica grande tanto da rendere il suo ventre simile a quello di una donna al nono mese di gestazione. E grazie alla tempestività e bravura del dottore Struzziero, direttore del reparto di ginecologia e ostetricia del San Giuseppe Moscati, l’intervento non solo è stato eseguito perfettamente, ma per la ragazzina resterà solo il brutto ricordo dei dolori e della paura, ma nessuna grossa cicatrice.

E’ stato un successo l'intervento realizzato prima di Natale dall'equipè guidata dal dottore Elisiario Struzziero, che ha consentito alla giovanissima ragazza di tornare a casa in poche ore, esattamente il giorno dopo, dopo essere stata una notte in osservazione. L’operazione è stata eseguita in laparoscopia. Un intervento, che se fatto con la classica tecnica chirurgica avrebbe lasciato sul corpo della giovanissima una cicatrice lunga oltre venti centimetri, che le avrebbe solcato e segnato il ventre dallo sterno fin quasi al pube.

«Quando l’ho vista ho pensato che fosse arrivata in ospedale per partorire - spiega il dottore Struzziero -. Ma non era così. La ragazzina aveva una grossa cisti ovarica che andava subito asportata e siamo stati felici di poter intervenire con la tecnica laparoscopica, molto più semplice per i tempi di degenza e meno invasiva».

La fertilità della giovanissima non è stata intaccata e per fortuna era “soltanto” una cisti ovarica e non un tumore. Ma c'è voluta comunque tutta l'elevata competenza clinica e chirurgica del dottore Struzziero e della sua equipè per risolvere il caso. Perché si è trattato di una cisti enorme di dimensioni molto rare in pazienti così giovani, e altrettanto rare anche in una casistica ricca e di elevata complessità come quella affrontata in trenta e più anni di carriera dal direttore del reparto del Moscati, che conferma l'alta specialità di medici e personale in un reparto, che vanta una lunga scuola di chirurgia gecologica che fa capo il dottore Ardovino

Un altro importante successo è stato quindi conseguito dai ginecologi del Moscati, che intervenendo tempestivamente hanno restituito serenità e benessere a una giovane ragazza ed alla sua famiglia.