Tribunali soppressi: la battaglia andrà avanti con forza

Tappa a Roma. Assemblea del comitato nazionale per la giustizia di prossimità

tribunali soppressi la battaglia andra avanti con forza

Pieno sostegno del comune di Ariano ad ogni iniziativa volta a ripristinare un presidio di giustizia in un territorio che ha subito gravi ripercussioni dalla soppressione...

Si è tenuta questa mattina presso la sede del consiglio nazionale forense a Roma la l’assemblea del comitato nazionale per la giustizia di prossimità.

Presenti per i due soppressi Fori Irpini, il Sindaco Enrico Franza, Giovanni La Via, Marcello Luparella Domenico Simone, Raffaella Manduzio per Ariano, Licia Rafaniello per Sant'Angelo dei Lombardi).

All’ordine del giorno la definizione delle strategie per continuare una battaglia, quella del ripristino della giustizia di prossimità e dei tribunali soppressi, che appare particolarmente delicata e per niente agevole, anche alla luce della linea adottata sul punto dall’attuale governo, certamente meno “possibilista” sul punto rispetto a quello precedente.

La linea che è emersa in assemblea è quella di non tradire ed anzi confermare con forza la ragione costitutiva stessa del comitato: perseguire una difesa del principio della giustizia di prossimità che miri ad una revisione radicale e totale della riforma del 2012. In quest’ottica più di una perplessità è stata espressa dai presenti sull’opportunità di “fughe in avanti” dei singoli tribunali, mentre è stata ribadita la necessità di evitare che audizioni delle singole realtà territoriali  dinanzi all’intergruppo parlamentare costituitosi per iniziativa del comitato possa minare la compattezza dello stesso.

Il sindaco Franza ha salutato i componenti del comitato, trattandosi della sua prima partecipazione ad un’assemblea di questo organismo, ha sollecitato all’unità, ha invocato il rispetto dell’art. 5 della costituzione, ha garantito il pieno sostegno del comune di Ariano ad ogni iniziativa volta a ripristinare un presidio di giustizia in un territorio che ha subito gravi ripercussioni dalla soppressione.

“Ariano Irpino, sia come amministrazione comunale che come classe forense - ha affermato La Vita, continuerà a dare il proprio contributo leale ai lavori del comitato, nel pieno rispetto dei principi che ne hanno determinato la costituzione”

“Conservare la compattezza del coordinamento nazionale” ha sostenuto Luparella” è molto importante. L’esperienza del passato ci ha infatti insegnato che procedere a ranghi divisi non paga. Va combattuta una battaglia, senz’altro difficile,  su un principio irrinunciabile, che è quello della giustizia di prossimità”.

Raffaela Manduzio ha ringraziato per l’invito è ha ribadito la piena fiducia nel l’operato del comitato, lamentando la scriteriata soppressione dei tribunali di Sant'Angelo e Ariano Irpino.

“Le iniziative del coordinamento “ ha dichiarato infine Simone” vanno sostenute e perseguite con forza e con spirito unitario, come sempre è avvenuto fino ad oggi”.

Oggi pomeriggio alle 15 il direttivo del coordinamento verrà ricevuto in audizione dall’intergruppo parlamentare pesieduto dall’onorevole Scutellà. All’incontro parteciperanno il presidente Agnusdei, il segretario Enzo Galazzo e il sindaco di Vigevano Sala.  Nessuno degli irpini sarà presente, ma il filo diretto con i partecipanti è ccstante.