Coronavirus Avellino. I primi 18 tamponi tutti negativi

La notizia arriva dal tavolo in prefettura. Attesa per gli altri otto test

coronavirus avellino i primi 18 tamponi tutti negativi
Avellino.  

Coronavirus, fumata bianca in Irpinia. I primi 18 tamponi analizzati dai medici del Cotugno di Napoli hanno dato esito negativo. Lo ha annunciato a palazzo di Governo del Corso Vittorio Emanuele, la manager dell'Asl, Maria Morgante, arrivata in prefettura per un summit convocato dal numero uno della prefettura, la dottoressa Spena. 

A margine del tavolo sull'emergenza Coronavirus in Campania la direttrice dell'azienda sanitaria ha comunicato la buona notizia che assicura: nessun contagio in Irpinia dalle prime analisi effettuate e analizzate dagli esperti del Cotugno. Tirano un sospiro di sollievo i sindaci e i cittadini di Solofra, Montefusco, Lauro, Taurano e Moschiano. I prelievi erano stati effettuati su persone rientrate dai comuni focolaio e su amici e parenti degli stessi venuti in contatto con loro al rientro.

Ma l'attesa continua, comunque. Si conosceranno domani i risultati degli altri tamponi inviati all'azienda ospedaliera Cotugno di Napoli. Altri otto nello specifico i tamponi, i prelievi orofaringei effettuati e che sono oggetto di analisi specifiche. I test sono stati fatti nei comuni di Mercogliano, Mirabella, Carife e Caposele questa mattina. Domani si conosceranno i risultati della nuova tranche di analisi effettuate sul territorio irpino, per quelle persone e casi ritenuti sospetti perchè tornati o arrivati in Irpinia dai comuni a rischio del nord del Paese.

I tamponi orofaringei sono stati eseguiti in via precauzionale, per il ritorno di alcune persone dai vari paesi dalle zone a rischio, nello specifico da comuni del Lodigiano. Si tratta di tutte persone messe in quarantena dai vari sindaci. Nello specifico i prelievi di oggi sono stati fatti per tre persone di Carife, per due di Caposele, anche loro in isolamento preventivo per il ritorno dalle aree focolaio, e per il medico di Mercogliano tornato da Padova.

E’ attesa all'ospedale San Giuseppe Moscati per la sistemazione del sistema di pretriage. Un particolare sistema di accoglienza per persone con sintomi allarmanti che lasciano sospettare eventuale contagio. Intanto proprio nel presidio dell’emergenza di Avellino gli accessi sono ridotti al lumicino. Effetto Coronavirus che scatena la psicosi.

Anche al Landolfi di Solofra è stata individuata una stanza in isolamento e comunque è stata data disposizione agli operatori del 118 di trasportare i casi sospetti al Moscati. Dove, nel reparto di Malattie infettive, sono 18 i posti letto a disposizione. Sono una decina i pazienti in isolamento: i primi due risultati, entrambi negativi, sono stati trasmessi martedì dal «Cotugno» di Napoli. Entro la fine della settimana, i test sui tamponi saranno effettuati anche ad Avellino.