Scuole chiuse: "Non c'è Draghi che tenga. Non arretro"

Il sindaco Festa risponde al Codacons che aveva invocato il premier

scuole chiuse non c e draghi che tenga non arretro
Avellino.  

Scuole chiuse, mercato e dogana. Il sindaco festa a tutto campo con i cronisti in piazza Libertà in occasione della giornata internazionale dell'infermiere.

COVID E SCUOLE CHIUSE

"In città nonostante abbiamo riscontrato un lieve aumento dei casi, la situazione è sotto controllo ma  non dimentichiamo, però, che i rischi sono sempre dietro l'angolo. Questa è anche la motivazione per cui ho deciso di mantenere le scuole superiori in DAD. Non dimentichiamo che il 70% dei ragazzi che frequentano le nostre scuole superiori proviene dalla provincia. Per non vanificare i nostri sacrifici ho preso questa decisione. Tra la denuncia del Codacons e la salute dei miei concittadini, ovviamente, scelgo quest'ultima. Il Codacons non si arrende? Neanche io. Mi assumo tutte le mie responsabilità e non ci sarà segnalazione che tenga. Io vado avanti per la mia strada perchè so di essere nel giusto". 

MERCATO

"Ho sorriso questa mattina quando ho sentito parlare di traffico. Non mi pare che le persone, prima, arrivassero in elicottero. E' fisiologico. Probabilmente, quando a settembre riapriranno le scuole, potremmo immaginare un percorso veicolare diverso, aprendo alla circolazione nel perimetro dello stadio". 

DOGANA

"La procedura di affidamento a Fuksas è perfetta e incontestabile. Non temiamo nessun problema da questo punto di vista. Io noto, da questo punto di vista, mediocrità e frustrazione da parte di alcuni personaggi. In tutta sincerità, sentire Petecca che critica Fuksas mi fa veramente sorridere".