Minaccia i vigili urbani con una scacciacani: nei guai 45enne

L'uomo è originario di Avellino ma residente a Castro

minaccia i vigili urbani con una scacciacani nei guai 45enne
Avellino.  

È stato denunciato dai carabinieri per minacce gravi. Nei guai un pregiudicato 45enne originario di Avellino, ma residente a Castro. L’uomo avrebbe estratto una pistola a salve agitandola di fronte a un vigile urbano e all’ex gestore del bagni pubblici.

 

Tutto sarebbe nato dalla gara di appalto per i bagni pubblici di piazza Perotti, dove la moglie del pregiudicato lavorava come inserviente alle dipendenze del Comune. Il titolare della nuova ditta aggiudicatrice dell’appalto avrebbe sospeso la collaborazione di lavoro con la donna. 
Il 45enne, venuto a conoscenza della decisione, avrebbe prima trascinato l'uomo nei pressi dei bagni pubblici tirando fuori una scacciacani. Il titolare della ditta avrebbe addirittura deciso di rinunciare a quell'appalto.


Ma il 45nne ha continuato ad andare in escandescenze entrato negli uffici della Polizia municipale. In quegli uffici avrebbe rivolto parole ingiuriose e minacciato un casco bianco, mostrando anche a lui quella pistola a salve. Poi avrebbe ad inveire anche contro il comandante.
I militari dopo ascoltato i vigili coinvolti e il sindaco, sono entrati nei bagni di piazza Perotti per una perquisizione, trovando la scacciacani senza tappo rosso. Il 45enne, messo alle strette, avrebbe confessato quanto accaduto, spiegando che ad innescare quella reazione era stato  il licenziamento della consorte.

Redazione