Rubava e falsificava marche da bollo: nei guai cancelliere

E' agli arresti domiciliari. Opera presso l'ufficio del giudice di pace di Lauro.

rubava e falsificava marche da bollo nei guai cancelliere
Avellino.  

Avrebbe rubato e falsificato marche da bollo per un importo di 24mila euro. Arresti domiciliari per un cancelliere dell’Ufficio del Giudice di Pace di Lauro, finito nei guai dopo le indagini della Guardia di Finanza. I militari del Comando Provinciale di Avellino hanno eseguito questa mattina l’ordinanza di custodia cautelare, adottata nell’ambito di un’inchiesta della Procura della Repubblica. Il funzionario dovrà rispondere di peculato, falsificazione di monete, spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate e di falsificazione dei valori di bollo, detenzione e messa in circolazione di valori di bollo falsificati.

Secondo le indagini il cancelliere, abusando delle proprie mansioni di addetto alla ricezione delle note d’iscrizione a ruolo delle controversie depositate dagli avvocati presso l’ufficio giudiziario, al momento del deposito degli atti avrebbe richiesto ai legali di non incollare i contrassegni sulle istanze da depositare e, successivamente, avrebbe applicato i valori bollati alterati o contraffatti sulle medesime istanze difensive.

In seguito, avrebbe provveduto alla vendita dei valori bollati regolari di cui si sarebbe indebitamente appropriato. Il valore complessivo dei valori bollati attributi alle condotte illecite contestate al cancelliere ammonta a 23.970 euro ed è inerente a 150 procedimenti civili.