Sicurezza, città blindata: la Polizia intensifica i controlli

Nelle ultime settimane identificate più di 400 persone

sicurezza citta blindata la polizia intensifica i controlli
Avellino.  

Denunciate due persone per inosservanza degli obblighi relativi alla libertà vigilata, identificate 452 persone, controllati 226 veicoli, elevate 11 contravvenzioni al codice della strada, verificata la posizione di 45 persone sottoposte agli arresti domiciliari, controllate, mediante l’ausilio del sistema “Mercurio”, oltre 3256 targhe di veicoli transitati nelle principali arterie stradali cittadine.

Sono i numeri dell'attività della Questura di Avellino nelle ultime settimane con particolare riguardo nelle zone ove insistono pubblici locali, pub e circoli ricreativi, che solitamente, specie nelle ore serali e notturne, registrano un maggior afflusso di giovani. L’intensificazione dei servizi di controllo e le disposizioni normative di cui ai recenti “decreti sicurezza” hanno consentito - recita una nota - "di indirizzare l’attività di prevenzione verso specifiche categorie di presone con l’adozione di provvedimenti di misure di prevenzione esclusive del Questore. I controlli agli esiti delle verifiche svolti negli ultimi tempi, hanno consentito al personale della Divisione di Polizia Anticrimine di notificare il D.A.C.U.r ad un giovane di 27 anni, a carico del quale il Questore di Avellino ha emesso il provvedimento di divieto di accesso all’interno di una villa di un comune irpino, per la durate di anni tre, in quanto già destinatario di condanna per spaccio di sostanza stupefacenti; emettere il primo provvedimento di prevenzione di contrasto allo spaccio di stupefacenti nei confronti di una studentessa condannata, con sentenza definitiva, per essere stata trovata, nei pressi di un istituto scolastico, in possesso di droga. Alla stessa è stato fatto divieto per la durata di 2 anni,  di accedere all’interno del plesso scolastico; adottare, per la prima volta, il divieto di accesso all’interno di una sala giochi e scommesse di un comune irpino, a carico di un giovane, il quale, già destinatario della misura di prevenzione dell’avviso orale, non potrà accedere all’interno di detta sala per 18 mesi, oltre al fatto che non potrà neanche stazionare nei pressi di locali pubblici ubicati nelle immediate vicinanze; emettere due provvedimenti D.A.C.U.r. nei confronti di parcheggiatori abusivi sorpresi ad esercitare illegalmente l’attività in città.

Sulla base degli esiti dell’attività di prevenzione, sono stati emessi inoltre diversi provvedimenti di avviso orale nei confronti di persone con pregiudizi a carico per reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti, lesioni e furti, nonché di Foglio di Via Obbligatorio a carico di persone con pregiudizi per reati contro il patrimonio".