Avellino, processo alla banda dei trattori: ascoltato un carabiniere

Rubavano mezzi agricoli e li rivendevano al mercato nero.

avellino processo alla banda dei trattori ascoltato un carabiniere
Avellino.  

Si è  tenuta questa mattina l’udienza dinanzi al collegio del Tribunale di Avellino, presieduto dal giudice Roberto Melone per il processo nato da un’indagine condotta dai carabinieri del nucleo operativo di Montella che nel 2018 era riuscita a sgominare la cosiddetta “banda dei trattori”, un’associazione a delinquere finalizzata al furto e alla ricettazione di mezzi agricoli da lavoro.
Ascoltato in aula uno dei carabinieri che si è occupato di condurre le indagini e che, in particolare, si è focalizzato sull'analisi delle intercettazioni.
Sul punto l'avvocato Rolando Iorio, in difesa di uno degli imputati - G. A. - ha precisato la circostanza secondo la quale sarebbe stato impossibile identificare il suo assistito, in quanto l'utenza telefonica in uso all'imputato in realtà era intestata a una terza persona.
La banda fu individuata a seguito di una serrata indagine iniziata nel 2017, in cui i carabinieri di Montella, attraverso una serie di appostamenti e intercettazioni erano riusciti ad individuare i sette membri, tre dei quali già condannati a tre anni e sei mesi di reclusione dopo essere stati giudicati con rito abbreviato.
I quattro a processo rispondono di furto aggravato e ricettazione.
Secondo la ricostruzione effettuata nel corso delle indagini la banda sceglieva con cura i propri bersagli, perlopiù aziende agricole del circondario prive di sistemi di videosorveglianza, alle quali sottraeva i mezzi da lavoro e li rivendeva riverniciati e con targa e scocca nuove grazie ad autofficine compiacenti.
Non solo, erano specializzati anche nei cosiddetti “cavalli di ritorno”: pare che contattassero i proprietari il giorno dopo il furto per chiedere soldi in cambio della restituzione.
Della refurtiva recuperata, pari a circa 150mila euro di valore, una parte è stata restituita ai legittimi proprietari e il restante è stato donato in beneficenza su disposizione della procura di Avellino.