Calciomercato Avellino, torna d'attualità la pista Evacuo

Miglior marcatore di sempre nella storia della Serie C, l'attaccante potrebbe tornare in Irpinia

calciomercato avellino torna d attualita la pista evacuo
Avellino.  

Lo scorso 10 marzo, andando a bersaglio contro la Casertana, Felice Evacuo realizzò il gol numero 164 in Serie C conquistando la palma di miglior marcatore di tutti i tempi nella storia della vecchia terza Serie; il prossimo 23 agosto compirà 37 anni, ma l'istinto da killer in area di rigore non invecchia e l'Avellino, tra le cui file il bomber di Pompei ha militato nelle stagioni 2004/2005 e 2006/2007, intervallate da un'annata super in prestito alla Torres (33 gare, 16 gol, ndr), sta sondando il terreno per capire se ci siano i margini per riportarlo in Irpinia, dove ha messo su famiglia, a distanza di 12 anni.

L'attaccante, che in biancoverde ha totalizzato 71 presenze e 25 reti, è attualmente impegnato nella finale playoff tra il suo Trapani e il Piacenza: l'andata è terminata sul risultato di 0-0 e al “Garilli” il centravanti è rimasto in panchina. Se i siciliani sono arrivati a un passo dalla Serie B lo devono, però, in maniera considerevole ai sui 10 centri in 35 partite, messi a segno in campionato nel girone C, vinto dalla Juve Stabia.

Capocannoniere del girone B 2012/2013, grazie ai 16 sigilli in maglia Nocerina; due volte promosso direttamente in Cadetteria e vincitore della Supercoppa di Serie C con Spezia e Novara. I numeri di Evacuo, che nel gennaio del 2017, quando vestiva la casacca del Parma, era stato vicinissimo al ritorno all'ombra del Partenio, si commentano da soli.

E chissà che stavolta non sia davvero quella buona per rivederlo tra i lupi, sia per una serie di fattori contingenti che potrebbero agevolare la trattativa, sia per la possibilità di tornare a casa in prossimità della conclusione della sua brillante carriera, magari mettendo definitivamente una pietra su vecchie e note ruggini con alcuni supporter irpini. Si vedrà. Prima di tutto, però, c'è da definire formalmente la permanenza del tecnico Bucaro e del direttore sportivo Musa, senza dimenticare la necessità di chiudere il cerchio in tempi celeri, sul fronte Partenio, per l'iscrizione in Lega Pro.