Paganese - Avellino 2-2, il commento di Ignoffo ed Erra

Il tecnico dei lupi: "Dobbiamo ricreare entusiasmo. Mercato? Di Somma sa di cosa ho bisogno"

paganese avellino 2 2 il commento di ignoffo ed erra

Pagani - Nel post-partita di Paganese – Avellino 2-2, parola al tecnico dei lupi, Giovanni Ignoffo: “Sono soddisfatto per quanto abbiamo espresso. Dispiace per i gol subiti, uno su rigore e l’altro su calcio d’angolo, ma nel complesso è stato messo in pratica ciò che avevo chiesto. Siamo stati solidi, compatti e, seppur a tratti, abbiamo espresso una buona manovra creando due-tre occasioni per poter far male di rimessa e chiudere la gara. Le premesse sono ottime. C’è una buona base su cui lavorare. Pretendo, però, che la prossima partita sia fatta meglio. Il rigore per la paganese? Un po’ generoso a dire la verità. Sul secondo gol ci siamo persi la marcatura, ci lavoreremo su. Il nostro obiettivo è ricreare entusiasmo in un ambiente che sappiamo ci può trascinare. Dobbiamo essere bravi a portare tifosi dalla nostra parte con i risultati e le prestazioni. Contro il Bari c’è voglia di ben figurare con l’aiuto del nostro pubblico.”

Capitolo mercato: “Io cerco di far rendere al massimo quelli che ho a disposizione. Il direttore Di Somma conosce le mie esigenze. Speriamo arrivi qualche valore aggiunto. Oggi sono soddisfatto della rosa, siamo fiduciosi.”

Così, invece, il tecnico degli azzurrostellati, Alessandro Erra: “A differenza della gara di Bari, oggi ci siamo espressi anche a livello propositivo. Abbiamo giocato a viso aperto con buoni spunti. Le squadre si sono equivalse, è stata una partita piacevole. Siamo andati due volte sotto e altrettante volte abbiamo recuperato, è un segnale positivo. Eravamo in emergenza, siamo rientrati da Bari alle tre e mezza del mattino di lunedì e abbiamo lavorato subito dopo, senza riposare. Ci sono calciatori che hanno tirato la carretta, novanta minuti in tre giorni possono essere pericolosi per le gambe. Aspettiamo comunque di completarci sul mercato per esprimerci in maniera più organica. L’Avellino? È forte. Se si legge la distinta ci sono nomi importanti”.