Scandone, dietrofront di Ricci: c'è la Virtus Bologna

Un nazionale rifiuta Avellino: non è la prima volta. Le V nere nel futuro del capitolino

scandone dietrofront di ricci c e la virtus bologna
Avellino.  

La Sidigas Avellino appariva in pole position dopo settimane di corteggiamento, rallentato solo dall'evoluzione nei playoff della Vanoli Cremona. La Scandone ha rilanciato chiarendo l'obiettivo appena terminata l'avventura nella post-season per il club lombardo, ma ecco l'incursione improvvisa di un'altra società e la pista Gianpaolo Ricci in chiave irpina vola via. Il lungo capitolino sarà un giocatore della Virtus Bologna. La Sidigas si ritrova con un nuovo "no" da parte di un atleta che gioca in Nazionale.

La difficoltà nel reperire atleti italiani di alto livello è stata spesso presentata dal direttore sportivo, Nicola Alberani. Nell'estate 2018 fu Davide Pascolo a scegliere, dopo settimane di dubbi, per l'approdo a Trento allontanando Avellino. Il viaggio verso il sud che appare come un limite per il mercato biancoverde di anno in anno. Sono diversi i casi dei giocatori italiani che preferiscono restare al nord evitando le piazze del meridione (Avellino, Brindisi e con Capo d'Orlando che punta al ritorno in A nella serie di finale promozione contro Treviso).

Sul fronte stranieri, il problema non si pone. Ieri è arrivata l'ufficialità di Brandon Taylor, che ricoprirà il ruolo di playmaker nel futuro roster. Avellino va a caccia di un cambio italiano dalla panchina. Spunta Marco Giuri, play-guardia brindisino, ex Juvecaserta, impegnato nella finale Scudetto con l'Umana Venezia, raggiunta sull'1-1 nella serie dal Banco di Sardegna Sassari, dominante in Gara 2. Terzo e quarto appuntamento al PalaSerradimigni saranno, con molta probabilità, cruciali negli equilibri dello scontro al meglio delle 7 gare che deciderà il tricolore 2019.