Sanità sannita, soddisfazione per il documento di Mastella

Intervento del sindaco di Dugenta Clemente di Cerbo

sanita sannita soddisfazione per il documento di mastella

Riceviamo e pubblichiamo

Benevento.  

Soddisfazione per il documento proposto dal sindaco di Benevento sulla sanità sannita da parte del sindaco di Dugenta Clemente di Cerbo.

"Ieri sera ho partecipato all’assemblea dei sindaci, approvando con i colleghi all’unanimità il documento proposto dall’on. Mastella in merito alla vicenda ospedale de’ Liguori e della sanità sannita; è un documento che avevo già sollecitato sin dal mese di aprile, come da mie dichiarazioni rese e riportate dalla stampa locale, con la richiesta di deroga al Piano sanitario regionale per la situazione particolare che vive la provincia di Benevento che, se fosse stata approvata a tempo debito, avrebbe evitato disagio e apprensione da parte della popolazione interessata.

Le nostre proposte, unitamente a quelle della senatrice Sandra Lonardo, non furono considerate opportune, sebbene oggi si dimostrano utili a percorrere un sentiero sempre irto di difficoltà ma che potrebbe portare ad una soluzione. Naturalmente vigileremo sull’intera vicenda, auspicando che l’intera deputazione sannita si impegni affinché la deroga venga effettivamente concessa in sede governativa, sperando anche che si possa avviare per il futuro una maggiore concertazione tra Regione e Assemblea dei Sindaci per la gestione della sanità in generale della nostra provincia. Riconosciamo l’immenso lavoro svolto dai comitati e dai rappresentanti della chiesa locale, in primis il vescovo don Mimmo. La vicenda “sanità” nella provincia di Benevento non è naturalmente confinata al solo presidio ospedaliero di Sant’Agata de’ Goti, per quanto importantissimo, ma anche alla riqualificazione e all’ammodernamento, sia in termini di qualità che di efficienza strutturale, dell’azienda ospedaliera del capoluogo, l’unico presidio della provincia che non può essere declassato e che anzi deve assicurare gli standard di Dea di secondo livello."

Redazione Bn