"Non giocate con la pelle dei nostri figli"

Scuole a rischio, protestano i genitori degli alunni dell'istituto Bosco Lucarelli

non giocate con la pelle dei nostri figli
Benevento.  

“Non giocate con la pelle dei nostri figli”. Si alza il grido dei genitori degli alunni riguardo al problema della sicurezza nelle scuole.
Questa mattina uno striscione è stato esposto davanti all'istituto Bosco Lucarelli di via Minghetti, al Rione Libertà.
Diversi i genitori che hanno deciso di manifestare il proprio disappunto non facendo partecipare i figli alle lezioni.
“Vogliamo chiarezza” incalzano i manifestanti “chiediamo di conoscere le condizioni dell'istituto. Non possiamo essere lasciati all'oscuro di tutto”.

L'edificio di via Minghetti ospita una scuola dell'infanzia e primaria, mentre c'è una scuola secondaria di primo grado al 'Silvio Pellico' di via Gioberti, appartenente allo stesso Istituto comprensivo “Giovambattista Bosco Lucarelli”.
I due istituti sarebbero tra quelli “a rischio chiusura” e per i quali il comune sta già tentando di trovare soluzioni alternative per evitare lo stop alle lezioni.
Le indagini che Palazzo Mosti ha commissionato potrebbero essere pronte entro la fine del mese ma l'amministrazione Mastella sta già correndo ai ripari.

Si rincorrono, intanto, le indiscrezioni sulle quali le mamme polemizzano: “Sembra che la scuola sarà chiusa a fine mese. Se non è sicura perché aspettare?”.
Nessuna conferma dalla dirigente scolastica dell'Istituto Annamaria Morante che spiega: “Con il Comune stiamo lavorando all'identificazione di sedi alternative in cui trasferire le lezioni se le indagini dovessero rivelare problemi. Ma, ad oggi, non abbiamo alcuna certezza né notizie di eventuali chiusure”.
Ad appoggiare il presidio dei genitori anche alcuni esponenti del L@p Asilo 31, del Rione Libertà.
Intanto nelle prossime ore i genitori incontreranno alcuni esponenti della giunta Mastella per chiarimenti.