Aumento tariffa rifiuti. Mastella: Non possiamo pagare VIDEO

Riunione a Palazzo Mosti su decisione rincari di Samte. Il sindaco: Pronto a consegnare la fascia

aumento tariffa rifiuti mastella non possiamo pagare video
Benevento.  

“La Samte attraverso la Provincia ha decretato un aumento del costo per lo smaltimento dei rifiuti senza confrontarsi con i sindaci. Ebbene, domani durante l'assemblea alla Rocca dei Rettori se ne dovrà discutere. Il comune di Benevento non accetterà di pagare i debiti della Samte e aumentare la Tari ai cittadini. Non possiamo permettercelo ed è illegale metterli a bilancio”. Il sindaco Clemente Mastella tuona contro la decisione della Società interamente partecipata dalla Provincia di Benevento che nel Sannio si occupa dello smaltimento dei rifiuti di aumentare a dismisura la quota da versare per ogni cittadino per la Tari.

Questa mattina il primo cittadino del capoluogo sannita ha riunito i sindaci sanniti e come sindaco del comune capofila ha messo i paletti alla decisione assunta dalla Samte: “Ci siamo consultati con i nostri legali e l'assessore alle Finanza: questa procedura è illegale. Questo aumento non si può scrivere a bilancio. Non si può ipotecare una scelta illegale e non praticabile. Noi paghiamo un servizio che non è espletato per via della chiusura dello Stir di Casalduni. Quindi pagare anche l'aumento davvero non sarà possibile. Io ai mie cittadini non posso chiederlo”.

Mastella dunque non ha dubbi che l'aumento decretato dallo stato economico della Samte – per la città di Benevento potrebbe aggirarsi intorno ai 14 euro a persona – non si potrà chiedere ai cittadini.

“Io chiedo che domani si discuta del piano, capisco le difficoltà della Provincia però questa tariffa diventa per noi sindaci insostenibile. Non dobbiamo essere noi a pagare per le gestioni non corrette della Samte. A noi Comuni converrebbe più assumere i dipendenti della Samte che pagare questi aumenti”.

Il sindaco Mastella ha poi parlato della discarica di Sant'Arcangelo Trimonte: “La prosecuzione di quella inagibilità comporta oggi una ricaduta su di noi che non abbiamo colpe e questo non può essere l'aggravio per noi ma solo colpa dell'inefficacia operativa della Samte”.

Mastella poi non esclude un colpo di scena amministrativo: “Da parte mia pronto a portare i libri contabili in Tribunale, al ministero. Noi non siamo in grado di affrontare questo aumento che senso ha fare la differenziata, diventare comuni virtuosi se poi dobbiamo affrontare un aggravio di spesa del genere”.

Mastella poi batte cassa e si rivolge al Governo e alla Regione: “Per anni le province di Benevento e Caserta hanno dovuto accogliere e smaltire i rifiuti di tutta la Campania senza che ci venisse riconosciuto nulla”. E lancia la proposta protestare a Roma: “Con le fasce tricolore bisogna andare davanti Palazzo Chigi per reclamare quello che ci spetta”.

Poi l'annuncio: “Pronto a rimettere anche il mio mandato di sindaco perchè non me la sento di chiedere altri soldi ai cittadini per la Tari”.

La parola passa dunque all'assemblea dei sindaci che si terrà domani mattina presso la sala consiliare della Rocca dei Rettori.