Sacro Cuore al Fatebenefratelli: bilancio Covid e il messaggio dell'arcivescovo

FOTO - Accrocca: "Basta chiacchiere, servono fatti concreti". Il bilancio del dottore Guglielmucci

sacro cuore al fatebenefratelli bilancio covid e il messaggio dell arcivescovo
Benevento.  

“Chi lavora con le persone sofferenti deve dimostrare il volto misericordioso di Dio al pari di tutti noi nella vita di ogni giorno. Un volto di un Dio che ci ama. Il signore ci aiuti affinchè la nostra vita diventi un dono per gli altri, le chiacchiere stanno a zero e siamo tutti stufi di chiacchiere e non ne possiamo sentire più, c'è bisogno di fatti concreti”.

Questo il monito dell'Arcivescovo di Benevento, Felice Accrocca durante l'omelia in occasione delle celebrazioni del Sacratissimo Cuore di Gesù, titolare della struttura sanitaria di viale Principe di Napoli.  L'arcivescovo ha dunque voluto mettere l'accento sulla festa del Sacro Cuore, “in onore dell'amore di Dio che ci ha donato la vita con i fatti, con amore".

Il pastore della Chiesa Beneventana dinanzi alla platea (presenti operatori sanitari, amministrativi dell'ospedale, le istitutzioni con a capo il Prefetto Carlo Torlontano, il questore Luigi Bonagura e i comandanti dei carabinieri e della guardia di finanza, i colonnelli Germano Passafiume e Mario Intelisano e i rappresentanti del Sovrano Ordine dei Cavalieri Templari), ha posto l'accento sulla missione di coloro che si trovano quotidianamente chiamati ad aiutare gli ammalati. Una missione “che deve però riguardare tutti e in favore di tutti” in nome del bene.

La cerimonia religiosa officiata dall'arcivescovo Accrocca ha visto la partecipazione del coro dell’ospedale Fatebenefratelli”.

Ospedale sannita impegnato sin dai primi mesi della pandemia a fronteggiare l'emergenza sanitaria sia con reparti covid dedicati, sia con uno sforzo maggiore per la cura delle altre patologie, specialmente quando al San Pio arrivavano in continuazione pazienti affetti dal coronavirus.

“Sono stati mesi terribili – ha spiegato il dottore Giovanni Guglielmucci, direttore sanitario del Fatebenefratelli – ma per fortuna ora il periodo più critico sembra essere passato, o meglio si è attenuato. A novembre e dicembre – ha poi ricordato il dirigente sanitario - abbiamo avuto anche qui ricoveri Covid ma ora la struttura sanitaria ha ripreso appieno le normali attività sanitarie con la riapertura degli ambulatori in sicurezza e i ricoveri programmati e non nei reparti. Ora però non bisogna abbassare la guardia e rispettare sempre tutte le norme”.

Ospedale Sacro Cuore di Gesù impegnato anche nelle vaccinazioni del personale sanitario e anche dei pazienti fragili in cura presso la struttura del rione Ferrovia a Benevento: “Abbiamo vaccinato un centinaio di nostri pazienti – ha infine spiegato il dottore Guglielmucci – e a breve somministreremo anche i richiami”.

Presente nel cortile interno del nosocomio anche il Superiore della Provincia Romana dei Fatebenefratelli, Fra Gerardo D’Auria che ha posto l'accento anche sull'importanza delle vaccinazioni ed ha rivolto un ringraziamento particolare ai medici e a tutti gli operatori sanitari che con forza e professionalità hanno assistito i pazienti durante la difficile pandemia”.

Terminata la funzione religiosa, il Sovrano Ordine dei Cavalieri Templari e il cavaliere Salvio Zungri, titolare della Ortopedia Meridionale, hanno donato un aspira muchi professionale all’ospedale Sacro Cuore di Gesù Fatebenefratelli.