"1000 euro se non dici la verità in aula", assolta

La sentenza per una 29enne di nazionalità rumena

1000 euro se non dici la verita in aula assolta
Benevento.  

Il pm Patrizia Filomena Rosa, che aveva ereditato la sola discussione, aveva proposto la condanna a 4 anni. Ma il Tribunale è stato di diverso avviso e, come chiesto dall'avvocato Michele Rillo, ha assolto dall'accusa di corruzione, perchè il fatto non sussiste, Lenuta Borodi, 29 anni, rumena, ed ha dichiarato l'intervenuta prescrizione di quella di falsa testimonianza.

Tutto ruotava attorno alle dichiarazioni rese dall'imputata in un processo per rapina a carico di due donne straniere, accusate di averla picchiata per sottrarle cellulare e computer. Un episodio accaduto a Benevento nel gennaio 2010, che sei mesi più tardi la vittima aveva ricostruito in aula in maniera completamente opposta.

Borodi aveva infatti escluso ogni responsabilità da parte delle connazionali. Lo avrebbe fatto, secondo la Procura, perchè in cambio avrebbe ottenuto, o le sarebbe stata promessa la somma di 1000 euro da una persona poi rinviata a giudizio, con altre due, sulla scorta di un'imputazione di cui era stata successivamente dichiarata la nullità.