Perseguitava l'ex moglie, la sorella di lei e il cognato

Un anno e 4 mesi, pena patteggiata e sospesa, per un 48enne di Benevento

perseguitava l ex moglie la sorella di lei e il cognato
Benevento.  

Un anno e 4 mesi. E' la pena, patteggiata e sospesa, stabilita dal giudice Loredana Camerlengo per un 48enne di Benevento, accusato di stalking ai danni dell'ex moglie e dei familiari di lei.

Difeso dall'avvocato Nunzio Gagliotti, l'uomo era stato arrestato dalla Squadra mobile, nell'ottobre del 2019, in flagranza di reato. Era finito ai domiciliari dopo essere stato fermato tra via Flora e via Giustiniani, dove – secondo la ricostruzione degli inquirenti- stava inseguendo, urlando, la sorella dell'ex coniuge.

Era stata quest'ultima, avvertita telefonicamente, a far scattare l'allarme, raccontando anche lo stato di preoccupazione nel quale l'avrebbero precipitata i comportamenti dell'ex marito.

A gennaio era stato raggiunto da un ammonimento del questore che non gli avrebbe impedito di continuare a molestare la malcapitata con pedinamenti e telefonate. Riservando le sue attenzioni anche ai congiunti della donna, con un cognato che avrebbe minacciato con un'ascia.

Comparso dinanzi al gip Vincenzo Landolfi per l'udienza di convalida dell'arresto, conclusa con il ritorno in libertà e il divieto di avvicinamento, l'allora 47enne aveva offerto la sua versione su un paio di episodi nei quali erano state ravvisate condotte di natura persecutoria nei confronti della donna che aveva sposato, probabilmente ispirate da una forma di gelosia.